Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca Zen / Via Nedo Nadi

C'è un sospettato per la sparatoria allo Zen, la vittima ancora in gravi condizioni

Un uomo è stato rintracciato nella zona di piazza Croci ed è stato portato negli uffici della squadra mobile per essere sentito. Al momento la pista privilegiata dagli investigatori è quella della droga. Il ferito nel pomeriggio è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico e per lui la prognosi resta riservata

C'è un sospettato per la sparatoria allo Zen. La polizia ha dato un nome e un volto all'uomo che questa mattina, in via Nedo Nadi, avrebbe premuto il grilletto colpendo due volte un 32enne, portato poi in ospedale e sottoposto a un delicato intervento chirurgico. Le indagini sono ancora alle prime battute e bisognerà accertare il movente che, secondo gli investigatori, potrebbe essere legato a questioni di droga. Il sospettato è stato rintracciato poche ore dopo la sparatoria dalle parti di piazza Croci, in zona Libertà, ed è accompagnato negli uffici della squdra mobile, dove è stato ascoltato.

Erano trascorse da poco le 11 di stamattina quando alla sala operativa della polizia è arrivata da diversi residenti la segnalazione di alcuni colpi di arma da fuoco esplosi nella zona di via Costante Girardengo. I sanitari arrivati con un'ambulanza hanno soccorso il la vittima dell'agguato, mentre era riverso sul sedile posteriore di un'auto, con la maglia intrisa di sangue, e lo hanno trasportarlo all'ospedale Villa Sofia dove, con le poche energie rimaste, ha fornito indicazioni precise su chi gli avesse sparato. Le sue condizioni sono gravi e la prognosi per il momento resta riservata.

Le immagini dallo Zen | video

Poco dopo l'accaduto gli investigatori della squadra mobile hanno avviato le indagini eseguendo alcuni accertamenti sull'auto in cui è stato trovato il ferito, una Volkswagen Polo blu, risultata intestata a un suo familiare e trovata con la portiera aperta. Da chiarire se chi ha sparato si fosse appostato attendendo l'arrivo del suo obiettivo o se quest'ultimo stesse salendo in auto per allontanarsi.

Informazioni preziose potrebbero arrivare dall'arma utilizzata per sparare, che al momento però non è stata ritrovata. Per terra, accanto all'auto in cui c'era la vittima, non sono stati trovati bossoli e dunque sarebbero due le ipotesi: chi ha sparato impugnava una pistola a tamburo (che non lascia appunto bossoli) oppure i colpi sono stati esplosi da un'altra parte e la vittima avrebbe cercato di scappare o di correre in ospedale prima di accasciarsi in stato di semincoscienza nella macchina della sua famiglia.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

C'è un sospettato per la sparatoria allo Zen, la vittima ancora in gravi condizioni

PalermoToday è in caricamento