menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno dei due giovani arrestati all'alba di oggi

Uno dei due giovani arrestati all'alba di oggi

Far west allo Zen, "ras" della cocaina ferito con pistole e coltelli: due arresti

Una spedizione punitiva per "sbarazzarsi" del nuovo boss della droga: la polizia dopo lunghe indagini ha individuato i responsabili del tentato omicidio dello scorso ottobre tra via Girardengo e via Fausto Coppi. Emergono i conflitti relativi al business della coca

Arrestati per tentato omicidio. La polizia - all'alba di oggi - ha fermato Vincenzo Viviano e Vincenzo Maranzano, che lo scorso 6 ottobre si erano resi protagonisti del violento agguato ai danni Khemais Lausgi  (alias Gabriele Alì), 29enne palermitano di origini tunisine, rimasto gravemente ferito nel corso di una sparatoria e poi ricoverato al trauma center e indotto in coma farmacologico. Lausgi - allo Zen - è considerato uno dei "ras" della cocaina.

"COSI' HANNO TENTATO DI AMMAZZARE IL BOSS DELLA COCA": GUARDA IL VIDEO

Un tentato omicidio che aveva destato un notevole allarme sociale sia per le modalità: la vittima fu accoltellata all’addome e ferita con colpi di pistola. "Le indagini della Squadra Mobile, coordinate dalla Procura della Repubblica - spiegano dalla questura - hanno fatto emergere una vera e propria lotta all’interno dello Zen per il controllo delle piazze di spaccio e degli altri affari illeciti che si svolgono tra le vie del quartiere.

Nel caso specifico il conflitto è avvenuto fra due gruppi rivali: uno che fa riferimento proprio a Maranzano e Viviano, e l’altro proprio a Lausgi, criminale emergente nel panorama dello Zen, già destinatario di diversi provvedimenti giudiziari per reati che riguardano lo spaccio. "In particolare - dicono dalla polizia - questi gruppi che vanno affermandosi all’interno dello Zen sono prevalentemente composti da ragazzi molto giovani e spregiudicati provenienti da realtà difficili e, in alcuni casi, con dei collegamenti o parentele con appartenenti a Cosa Nostra"

Lo scorso 6 ottobre - quando Lausgi finì nel mirino degli aggressori - nel giro di mezzora il quartiere si era trasformato nel set di un episodio di Gomorra, dal quale erano arrivate diverse segnalazioni sui colpi d’arma da fuoco sparati. All'epoca - però - dei tanti abitanti affacciati al balcone, però, nessuno decise di fornire qualche dettaglio utile per ricostruire quanto accaduto tra via Girardengo e via Fausto Coppi. Lausgi, ferito pistole e coltelli, riuscì in qualche modo a scappare per poi salire a bordo di una Fiat Panda e raggiungere l’ospedale Villa Sofia, rischiando in più occasioni di speronare altre auto. Poi le lunghe indagini, fino alle misure cautelari di oggi, emesse dal Gip.

A Lausgi, il Gico della guardia di finanza di Palermo un anno fa sequestrò un patrimonio da 600 mila euro composto da cinque auto, due appartamenti e una villa. Il suo "impero" immobiliare, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, sarebbe stato costruito grazie ad alcuni prestanome che lo avrebbero aiutato a recuperare una sessantina di assegni circolari emessi da banche diverse che sarebbero serviti a riciclare il denaro incassato dalla vendita della cocaina. Business che avrebbe condotto dalla sua lussuosa casa, con colonne di marmo e cornici d’oro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento