menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gaetano Giampino (65 anni), accusato di tentato omicidio

Gaetano Giampino (65 anni), accusato di tentato omicidio

La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

La polizia ha fermato con l'accusa di tentato omicidio Gaetano Giampino, 65 anni. Sarebbe stato lui a esplodere due colpi di pistola contro Salvatore Maranzano, colpito all'addome. La vittima è stata operata nella notte a Villa Sofia

Una banale lite per una mancata precedenza e gli insulti a una donna sono alla base della sparatoria avvenuta in via Girardengo, allo Zen, ieri sera. La Squadra Mobile ha fermato un pregiudicato, Gaetano Giampino (65 anni), che ha poi confessato di essere l'autore del tentato omicidio di Salvatore Maranzano, il bidello di 48 anni - anche lui pregiudicato - gravemente ferito prima di fare ritorno a casa. La vittima è stata operata nelle notte: le sue condizioni sono molto gravi

L'uscita di Giampino dalla Questura | Video

Secondo una prima ricostruzione fatta dagli agenti dell'Investigativa del commissariato San Lorenzo e della Squadra Mobile, poco prima del fatto, Maranzano e la moglie di Giampino avrebbero avuto un alterco a causa di mancata precedenza. "Maranzano - ha spiegato il capo della Mobile Rodolfo Ruperti - si trovava sulla sua auto in sosta davanti a un supermercato e non l'avrebbe fatta passare. Da qui la lite e gli insulti del bidello alla donna". A questo punto Giampino sarebbe tornato sul posto e dopo aver preso una pistola dalla sua auto avrebbe esploso dei colpi.

La lite e gli insulti alla moglie: la ricostruzione del tentato omicidio | Video

Due di questi hanno raggiunto la vittima all’addome. Maranzano - che ha subito un intervento chirurgico a livello addominale - adesso si trova ricoverato in Rianimazione, sedato e intubato. I chirurghi hanno estratto un proiettile ed eseguito una resezione dell'intestino asportandone una piccola parte. Individuati il foro di entrata e quello di uscita di un secondo proiettile esploso con la pistola impugnata da Giampino. Quest'ultimo è detenuto nel carcere Pagliarelli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento