menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I rilievi della scientifica dopo gli spari

I rilievi della scientifica dopo gli spari

Sparatoria ai Danisinni, possibile svolta: uomo si presenta dai carabinieri

Ha chiesto di potere parlare con gli inquirenti che indagano su quanto accaduto lunedì scorso in via Regina Bianca, dove sono rimaste ferite tre persone. Dopo un lungo interrogatorio è stato lasciato libero: non è indagato

Proseguono le indagini sulla sparatoria avvenuta lunedì scorso in via Regina Bianca, ai Danisinni. Ieri sera alla caserma dei carabinieri di piazza Verdi si è presentato un uomo che ha detto di volere rendere "dichiarazioni spontanee". Gli inquirenti lo hanno sottoposto a un lungo interrogatorio. L'uomo, la cui posizione è al vaglio della Procura, ha fornito la propria versione dei fatti e non è indagato. Tre i feriti al termine di una mattinata degna del far west: Giuseppe Giordano, 57 anni, il figlio Gianluca, 26 anni, e Debora Namio, 22 anni.

Sparatoria in strada ai Danisinni: tre feriti, coinvolta una ragazza

Dal giorno della sparatoria i militari hanno passato al setaccio la zona, effettuato perquisizioni e sentito i residenti cercando possibili testimonianze. Non è escluso quindi che la mossa dell'uomo possa essere un modo per far "allentare" la presa delle forze dell'ordine sul quartiere.

Molti i punti oscuri iniziando dal collegamento tra i feriti. Alle domande degli investigatori la giovane, avrebbe infatti negato di conoscerli, sostenendo di essersi trovata lì di passaggio. Oggetto di approfondimenti anche l'aggressione subita dallo zio della ragazza a meno di 24 ore dai colpi di pistola. L'uomo è arrivato al pronto soccorso del Civico con alcune sospette fratture.

Sparatoria ai Danisinni, pestato lo zio della ragazza ferita

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento