Giovedì, 5 Agosto 2021
Cronaca Politeama / Via dello Speziale

Sorpreso a spacciare per strada: arrestato pusher, in casa 17 piante di cannabis

Il manette è finito un pregiudicato palermitano 28enne. Sia l'appartamento dove viveva con i genitori - a Borgo Vecchio - che quello adiacente (di proprietà di un parente) avevano un allaccio abusivo alla rete elettrica: proprietari denunciati

Stava spacciando all'angolo tra via Cusimano e via dello Speziale ma gli agenti che passavano di lì per un controllo hanno visto la scena. Lucio Benfante, un pregiudicato palermitano 28enne residente allo Zen ma domiciliato a Borgo Vecchio, ieri pomeriggio è finito in arresto. Quando ha capito che i poliziotti si stavano dirigendo verso di lui ha tentato di scappare - insieme ad altre tre persone - ma è stato raggiunto e bloccato. Fermato anche uno dei potenziali clienti.

Gli accertamenti effettuati sul posto hanno permesso di verificare che lo scambio di stupefacente era avvenuto: nelle tasche dell’acquirente è stata trovata una busta in cellophane all’interno della quale c'era dell'hashish e nelle tasche del pusher - già sottoposto alla misura dell’obbligo di presentazione alla Polizia giudizia - è stata trovata una banconota da 5 euro. "Benfante - fanno sapere dalla Questura - ha, sin dalle prime battute, ammesso le proprie responsabilità, pertanto gli agenti hanno deciso di estendere la perquisizione anche al domicilio, la casa dei genitori".

All’interno dell’abitazione i poliziotti hanno trovato in una vetrina - nella stanza da pranzo - una busta in plastica trasparente, dentro la quale c'era hashish, e due bilancini di precisione. Nella stessa vetrina c'erano anche tre sacchetti di concime granulare. La perquisizione ha interessato anche il soppalco della casa, dove gli agenti hanno trovato nove sacchetti pieni di germogli di piante di cannabis. In un terrazzino attiguo sono state trovate 17 piante di cannabis e del fertilizzante. Tutto il materiale è stato sequestrato. 

Durante la perquisizione, i poliziotti hanno notato diversi fili di corrente elettrica rifornire sia l'appartamento dei genitori del pregiudicato che l'appartamento accanto, di proprietà di un parente della famiglia. Pertanto hanno deciso di chiedere l’intervento del personale Enel che - a seguito di accertamenti - ha constatato il furto di luce e provveduto al distacco della fornitura.

Benfante è stato condotto nella casa Circondariale “Antonio Lorusso”. I proprietari dei due appartamenti, sono stati denunciati per il reato di furto aggravato in concorso di energia elettrica e una terza persona, un familiare di Benfante è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sorpreso a spacciare per strada: arrestato pusher, in casa 17 piante di cannabis

PalermoToday è in caricamento