Spaccio di cocaina tra anziani, arrestato nonno pusher: è un palermitano di 83 anni

Si tratta di un pluripregiudicato per reati in materia di stupefacenti. L'episodio si è verificato a Sanremo. Il cliente era un 70enne. Durante la perquisizione in casa i poliziotti hanno trovato 20 orologi di varie marche, forse provento di furto

Il materiale sequestrato in casa del palermitano

C'è chi supera gli ottant'anni e trascorre il suo tempo con i nipotini alle giostre o a guardare gli scavi nei cantieri. C’è chi invece spaccia cocaina. E' il caso di un palermitano di 83 anni, arrestato dalla polizia poco dopo aver ceduto un grammo e mezzo di polvere bianca, pensate un po’, a un settantenne. Increbile ma vero: l'episodio si è verificato a Sanremo e nel giro di poche ore è stato ripreso da giornali e tg nazionali.

Il palermitano arrestato è un pluripregiudicato per reati in materia di stupefacenti (R.S. le sue iniziali). A “pizzicarlo” sono stati i poliziotti della squadra mobile di Imperia, che nel corso di specifici servizi antidroga – ulteriormente implementati nel periodo natalizio per volontà del questore della provincia di Imperia – hanno visto, in più occasioni, noti tossicodipendenti transitare con fare guardingo in una strada periferica, proprio in prossimità dell’abitazione del palermitano. Così sono scattati i servizi di osservazione nei pressi dell’abitazione dell'83enne.

Gli agenti - spiegano dalla polizia - hanno notato un noto pregiudicato 70enne di origini calabresi che, dopo aver sostato alcuni minuti all’interno del dehor di un bar, guardandosi ripetutamente attorno, ha imboccato repentinamente la via in cui si trova la casa del palermitano, entrando e uscendo dopo pochi minuti. L'uomo è stato sottoposto a una perquisizione: in mano aveva una bustina contenente circa un grammo e mezzo di cocaina, chiusa con un laccetto metallico.

I poliziotti sono entrati quindi nell’appartamento del palermitano procedendo alla perquisizione, che ha permesso di recuperare, in un cassetto della cucina, altre due dosi di cocaina dello stesso tipo di quella sequestrata al suo “cliente”, oltre al materiale per il confezionamento della droga, una bilancia di precisione elettronica da cucina e diverse centinaia di euro in contanti, in banconote di vario taglio.

Durante la perquisizione sono stati inoltre trovati e sequestrati 20 orologi di varie marche, contenuti all’interno di espositori da negozio con cartellino di vendita, della cui provenienza il palermitano non ha dato giustificazione: si pensa che siano stati rubati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo protagonista, prevista "tempesta violenta": diramata allerta meteo gialla

  • La lettera: "Silvana Saguto ci hai tolto tutto, tu mangiavi sempre al ristorante e noi un pezzo di pane"

  • Folle serata allo Sperone, litiga con la moglie per i Sofficini e viene arrestato

  • L'arancina più buona a Palermo, gara alla vigilia di Santa Lucia: vince il Bar Matranga

  • Centro Convenienza chiude e non consegna i mobili già pagati: "Clienti truffati"

  • Via Libertà, colpo da Louis Vuitton: spaccano la vetrina a mazzate e rubano borse e abiti

Torna su
PalermoToday è in caricamento