rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca Pallavicino

"Sosteniamoci insieme", persone con sindrome di down e integrazione: incontro a Villa Magnisi

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Si chiama "Sosteniamoci insieme" ed è un progetto diventato una best practice per l’inclusione sociale dei ragazzi con disabilità intellettiva relazionale con sindrome di down. Capofila del progetto finanziato dall'assessorato regionale alla famiglia l'Associazione sportiva dilettantistica SporT21 Sicilia che ha operato insieme all'Associazione italiana persone down di Termini Imerese. Un incontro per mettere al centro il tema della disabilità e trarre le prime conclusioni del progetto si è tenuto a Villa Magnisi sede dell'Ordine del Medici. Un momento di confronto finalizzato alla sensibilizzazione e all’inclusione delle persone affette dalla sindrome di Down T2.

“Sosteniamoci insieme. Adultità, individualità e dopo di noi" è stato organizzato in occasione della Giornata mondiale della sindrome di Down del prossimo 21 marzo. "Stiamo attraversando un momento particolare - dice Toti Amato, presidente dell’Ordine dei Medici di Palermo - in cui siamo purtroppo distratti da eventi piuttosto importanti come la guerra in Ucraina e il Covid, ma non dobbiamo dimenticare tutto il resto. Oggi parliamo di sindrome di down con questa inziativa che mostra come queste persone possono integrarsi nella nostra società. Non è la società che da qualcosa a loro ma solo loro che danno alla società in termini di produttività e integrazione sociale".

Il progetto "Sosteniamoci insieme" è stato finanziato dall'assessorato regionale alla Famiglia per sostenere l’inclusione sociale dei ragazzi con disabilità intellettiva relazionale con sindrome di down. L’obiettivo è sviluppare un approccio consapevole della coltivazione dei prodotti attraverso la conoscenza delle principali tecniche di produzione e di trasformazione ecosostenibili dei grani antichi siciliani e degli ortaggi. Coinvolti 6 ragazzi della SporT21 Sicilia e 5 ragazzi della Aipd di Termini Imerese.

"Ci impegniamo per l’integrazione delle persone con disabilità - dice Sergio Silvestre, presidente nazionale Sport21 Italia - in giro per l’Italia e abbiamo dato vita a tanti progetti. Abbiamo visto che questi ragazzi sono in grado di esprimere delle autonomie. Lo sport deve essere di tutti e noi nelle nostre attività cerchiamo di integrare persone normodotate con quelle con disabilità per dar vita a un momento di vera aggregazione".

I ragazzi si sono impegnati, col supporto del birrificio Bruno Ribadi, nel trasformare i cereali in birra: "E’ importante coinvolgere quante più persone possibili alla problematica collegata alla sindrome di down. Questo progetto - ha aggiunto Giampiero Gliubizzi, presidente Sport21 Sicilia - ha come obiettivo, non solo quello della trasformazione dei progetti cerealicoli in altri prodotti, in questo caso la birra, ma nel suo insieme di far incontrare partner e operatori che hanno particolare attenzione all’inclusione sociale".

"Il mio sogno - dice Giuseppe Biundo, del birrificio Bruno Ribadi - è che almeno uno di questi ragazzi o di quelli che formeremo in futuro, possa trovare occupazione in una delle nostre linee produttive. L'idea è quella di una birra solidale che abbia più del gusto di un'ottima birra artigianale. Che abbia anche il sapore della solidarietà e dell'inclusione, che abbia anche da raccontare una bella storia".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sosteniamoci insieme", persone con sindrome di down e integrazione: incontro a Villa Magnisi

PalermoToday è in caricamento