rotate-mobile
Cronaca

Ricoverata per meningite, stazionarie le condizioni della giovane

La 22enne è al reparto di Rianimazione del Civico, il primario: "Condizioni stabili da considerarsi segnale positivo". Intanto amici, parenti e colleghi di lavoro sono stati invitati a fare la profilassi

Restano stazionarie le condizioni della 22enne (N.F. le iniziali) ricoverata in rianimazione al Civico per una meningite. "La circostanza è da considerarsi come un segnale positivo - spiega Romano Tetamo, primario del Reparto - e ci sono tutti i presupposti per pensare di aver preso la situazione in mano per tempo". Le condizioni della giovane, originaria di Porto Empedocle, restano ancora gravi e la prognosi riservata.

Si rimane sempre in attesa degli esiti degli esami di laboratorio, dei quali si sta occupando il reparto di microbiologia al Policlinico. Pare che si tratterebbe di meningite di tipo B, la più frequente. Intanto dal punto di vista della prevenzione sono stati contattati tutti i parenti e gli amici stretti per avviare la profilassi. "Sia i congiunti - spiega a PalermoToday Nicola Casuccio, responsabile di Epidemiologia dell’Asp - che i colleghi dei ristoranti/pub dove avrebbe lavorato servendo ai tavoli ("Villa Costes" di viale Lazio e "A' Cala") sono stati contattati. Abbiamo invitato il gestore a informare tempestivamente chi di dovere. Bisogna intervenite immediatamente nel caso in cui si dovessero presentare sintomi particolari: febbre alta, rigidità locale, cefalea, vomito. Restiamo dunque - conclude - in attesa degli esiti dal laboratorio. Per ora sono state attuate tutte le misure di prevenzione necessarie. Abbiamo anche allertato l'Asp di Agrigento".

Oggi si era spara la voce di un altro (sarebbe stato il terzo in pochi giorni) caso sospetto. Un ragazzo ricoverato che presentava sintomi simili a quelli della meningite. Ma gli esami hanno escluso questa possibilità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricoverata per meningite, stazionarie le condizioni della giovane

PalermoToday è in caricamento