Cronaca

"Sospette molestie": zona via Roma, bambina di 3 anni finisce in ospedale

Polizia, vigili del fuoco e personale del 118 sono intervenuti al primo piano di una palazzina dopo una segnalazione dai contorni poco chiari. Indagini in corso

L'intervento della polizia nella zona di via Roma dopo la segnalazione

Presunte violenze su una bambina, un nuovo episodio scuote il centro storico. Polizia, vigili del fuoco e personale del 118 sono intervenuti ieri pomeriggio al primo piano di una palazzina nella zona di via Roma dopo una segnalazione dai contorni poco chiari. Qualcuno ha telefonato al 113 e riferito della presenza di una persona ubriaca (si parla di un molestatore) e dopo aver ascoltato alcuni potenziali testimoni una bambina di 3 anni, è stata portata in ambulanza al pronto soccorso del Di Cristina per tutti i controlli del caso.

Sulla scorta della segnalazione sono intervenuti sia gli agenti delle volanti che i colleghi della sezione Minori della Squadra Mobile della polizia che hanno cercato di delineare un quadro quanto più possibile preciso su quanto avvenuto ieri pomeriggio. Sembrerebbe che la bambina fosse stata affidata temporaneamente a qualcuno che abita in quella palazzina e uno dei vicini, sentendo probabilmente dei rumori, sarebbe entrato per controllare, trovando l’uomo in atteggiamenti considerati "sospetti". Da lì la chiamata alla sala operativa della polizia.

Dopo l’arrivo della polizia e l’ingresso nell’appartamento, in strada si è formato un capannello di vicini e curiosi che chiedevano delucidazioni agli uomini in divisa. Poi è uscita da un portoncino una donna con una bambina dai boccoli dorati che non piangeva né si dimenava. Quindi la decisione di portare la piccola all’ospedale dei Bambini per verificare la presenza di segni di violenza sul corpo o altro. Gli accertamenti non avrebbero evidenziato nulla di anomalo.

"La bambina - spiega a PalermoToday Giorgio Trizzino, direttore sanitario del Civico da cui dipende il Di Cristina - è stata ricoverata e dimessa alle 22,30. A seguito di accertamenti ginecologici, di chirurgia pediatrica e di altre consulenze specifiche non abbiamo riscontrato nulla". Ma ciò non esclude che la bambina possa essere stata vittima di molestie o quantomeno di un tentativo bloccato però sul nascere. Quindi saranno gli investigatori della Squadra Mobile a fare luce sull’accaduto.

E’ di pochi giorni fa la notizia dell’arresto di una giovane madre di Partinico per le presunte violenze sulle figli di 17 mesi e 2 anni e mezzo. La più piccola delle due è stata ricoverata alla fine di giugno con ferite, segni simili a morsi sulla schiena e altre lesioni. Le indagini dei carabinieri sono servite a costruire un quadro probatorio pesante nei confronti della ventunenne che è stata, su richiesta della Procura e su disposizione del giudice, rinchiusa in carcere in attesa del processo. Alcune conferme sarebbero arrivate dai parenti, tra i quali la madre dell'attuale compagno: "Una volta mio figlio è entrato e l'ha trovata con del sangue sulla bocca".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sospette molestie": zona via Roma, bambina di 3 anni finisce in ospedale

PalermoToday è in caricamento