Cronaca Montegrappa-Santa Maria di Gesù / Via Ernesto Basile

Via Basile, sospesi i lavori per la realizzazione del distributore

Stamattina la polizia giudiziaria è intervenuta per accertare la regolarità delle concessioni da parte della Gp Srl. Nei giorni scorsi era esplosa la protesta dei residenti. Ma l'azienda non ci sta: Le nostre carte sono tutte in regola"

Sospesi i lavori di realizzazione dell’impianto distributore carburanti di via Ernesto Basile. Stamattina la polizia giudiziaria è intervenuta per accertare la regolarità delle concessioni da parte della Gp Srl che nei giorni scorsi si apprestava a cominciare i lavori per la realizzazione dell’impianto. La Gp è stata invitata dalle forze dell’ordine a produrre tutte le autorizzazioni in loro possesso per verificare se siano ancora valide. Nelle more che questa avvenga, la ditta è stata diffidata a non iniziare i lavori. I residenti già nei giorni scorsi si erano opposti con una manifestazione alla realizzazione dell’impianto che sarebbe troppo vicino alle abitazioni dei civici 202 e 204.

A supportare l’indignazione dei residenti stamattina c’era anche il presidente della quarta circoscrizione Silvio Moncada e il consigliere comunale Fabrizio Ferrara: “E’ inspiegabile – hanno dichiarato - come sia stato possibile autorizzare l’impianto proprio davanti abitazioni private, senza garantire gli standard minimi di sicurezza per i cittadini e per gli automobilisti, visto che l’impianto dovrebbe sorgere in un’arteria super trafficata come via Ernesto Basile”. I cittadini, dal canto loro, proseguono lo stato di agitazione e hanno già comunicato che la loro protesta andrà ad oltranza fino a quando non saranno revocate le autorizzazioni.

La direzione della Gp Srl, d’altra parte appena serena sulla certezza che i lavori riprenderanno molto presto: “Abbiamo tutte le carte in regola – fanno sapere -. Non ci siamo sottratti nel tempo a nessun tipo di controllo già effettuato nei giorni scorsi. Quello che ci preme segnalare è che l’area dove dovrebbe sorgere l’impianto in questione rispetta tutti i limiti previsti dalla legge. Sono stati pagati tutti gli oneri dovuti e ora la proprietà vorrebbe semplicemente evitare di denunciare gli abusi edilizi delle palazzine attinenti all’area. Dispiace che ci siano dei politici che tentino di bloccare il flusso economico del settore che in questo momento sta vivendo una situazione gravosa. La realizzazione di quest’impianti garantirebbe almeno 30/40 posti di lavoro sul sito”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Basile, sospesi i lavori per la realizzazione del distributore

PalermoToday è in caricamento