Martedì, 3 Agosto 2021
Cronaca

Petizione per chiedere a Mattarella un sostegno economico alle sorelle Pilliu

La vicenda delle due donne palermitane. Già raccolte oltre 12 mila firme in pochi giorni. L'iniziativa è stata lanciata dal Movimento di volontariato italiano

Sono già più di 12 mila le firme raccolte in pochi giorni dalla petizione lanciata sulla piattaforma Change.org dal Movimento di Volontariato Italiano e che chiede al presidente Mattarella di far rientrare nel fondo di rotazione per la solidarietà alle vittime dei reati di tipo mafioso le sorelle Pilliu, due donne che, all’epoca del cosiddetto Sacco di Palermo, non sono scese a compromessi con la mafia.

Il testo inizia rivolgendosi direttamente al Capo dello Stato: “Signor Presidente, siamo volontari e volontarie impegnati in terra di Sicilia, nel contesto sociale di Palermo e non solo, per aiutare e sostenere chi ne ha più bisogno, ma anche per lottare contro le ingiustizie che sono causa di emarginazione [...] Sottoponiamo alla Sua Attenzione la vicenda delle sorelle Pilliu, che per anni hanno opposto una strenua resistenza alle minacce, alle lusinghe economiche, alle pressioni continuate da parte di una frangia di gruppi che si muovono all’interno di una subcultura di illegalità;  le stesse pressioni talvolta sono state espresse da sistemi professionali a servizio di interessi mafiosi, in un contesto pervaso dall’abbandono da parte di un sistema politico amministrativo, nella migliore delle ipotesi distratto".

“La vicenda ha origine dalla 'stagione del sacco di Palermo', proseguono i promotori, e della speculazione edilizia, che è forse il simbolo peggiore, nella sua persistenza fisica, di interessi che hanno intrecciato politica, amministrazione e mafia e che continuano a essere sotto gli occhi di tutti noi. Ma quel che è peggio, sta nel fatto che questa “materializzazione edilizia” della mafia, oggi è sotto gli occhi dei più giovani, specialmente gli stessi che, appena maggiorenni, non hanno mai conosciuto il clima che si è vissuto dentro la nostra martoriata città, prima e subito dopo i vili attentati che hanno tolto la vita a magistrati come Falcone e Borsellino insieme ai poliziotti che facevano da scorta. Riteniamo che a tutte le vittime di mafia, cittadini ed imprenditori che non sono più tra noi e sia necessario affiancare anche tutti coloro che hanno detto “NO” e che oggi pagano “da vivi” lo scotto di un isolamento creato da una società talvolta impegnata a guardare verso l’effimero, piuttosto che tutelare i cittadini più deboli.”

Nel finale, i promotori lanciano l’appello al presidente Mattarella, “affinché voglia, attraverso gli strumenti che le sono garantiti dalla Costituzione, porre in essere ciò che prevede una legge dello Stato, ovvero che il Fondo di rotazione per la solidarietà alle vittime dei reati di tipo mafioso sostenga le Sorelle Pilliu, vere “vittime della mafia” in modo da lasciare un altro segno visibile di ripristino della legalità nella nostra città, proprio dove lo scempio edilizio è stato più forte.”


 


   
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Petizione per chiedere a Mattarella un sostegno economico alle sorelle Pilliu

PalermoToday è in caricamento