Cronaca Mezzojuso

Sul caso delle sorelle Napoli adesso indaga l'Antimafia, il sindaco: "Spiegherò tutto"

Salvatore Giardina, primo cittadino di Mezzojuso: "Sarà per me l’occasione per poter chiarire la mia posizione e quella dell’amministrazione comunale e poter dare un contributo all’accertamento della verità" 

Le sorelle Napoli

“Sulla vicenda delle sorelle Napoli e su tutto quanto vi ruota attorno sarò ascoltato giovedì prossimo dalla commissione regionale antimafia”. A parlare è il sindaco di Mezzojuso Salvatore Giardina in merito al caso - ormai noto anche a livello nazionale - delle minacce e i tentativi di estorsione subìti dalle sorelle Napoli Irene, Gioacchina e Marianna

Giovedì la commissione antimafia, nei locali del Comune di Mezzojuso, a partire dalle 11, ascolterà anche il comandante della locale stazione dei carabinieri Pietro Saviano, Salvatore Battaglia, l'uomo a cui nei giorni scorsi è stata incendiata l’auto ed il sindaco di Godrano, Epifanio Mastropaolo. “Sarà per me l’occasione - aggiunge il sindaco Giardina - per poter chiarire la mia posizione e quella dell’amministrazione comunale ad un organo istituzionale così importante e poter dare un contributo all’accertamento della verità”. 

Le sorelle Napoli sono proprietarie di un'azienda agricola con oltre 70 ettari di terreno tra Corleone e Mezzojuso dove coltivano cereali e foraggio. Irene, Gioacchina e Marianna Napoli dopo la morte del padre, dicono di aver subito minacce e intimidazioni  mafiose per costringerle a cedere l'attività. Le tre donne hanno  denunciato danneggiamenti, l'uccisione dei propri cani, e sconfinamenti di vacche che vanno nei loro terreni. Il caso è stato portato alla ribalta dalla trasmissione "Non è l'Arena" di Massimo Giletti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sul caso delle sorelle Napoli adesso indaga l'Antimafia, il sindaco: "Spiegherò tutto"

PalermoToday è in caricamento