Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Al Policlinico il primo impianto cocleare: i medici restituiscono l'udito ai pazienti con sordità profonda

E' il primo organo di senso artificiale che può ripristinare la funzionalità perché sostituisce completamente la parte danneggiata. L’intervento è stato eseguito su una donna di 56 anni, che è stata già dimessa

Medici e infermieri della S.C. di Otorinolaringoiatria

È stato impiantato nei giorni scorsi dall’équipe di otorinolaringoiatria del Policlinico Giaccone il primo impianto cocleare, in Sicilia occidentale, per curare i disturbi gravi dell’udito. La struttura complessa di otorinolaringoiatria dell’azienda ospedaliera universitaria, diretta da Salvatore Gallina, da così il via a un programma di trattamenti frutto di un percorso di conoscenze e competenze consolidatosi nel tempo. 

L’intervento è stato eseguito da Francesco Dispenza e Francesco Riggio, otochirurghi, su una donna di 56 anni, affetta da sordità profonda. La paziente sta bene ed è stata già dimessa. Il sistema impiantato è composto da due parti distinte: l’endoprotesi (o impianto) viene inserita chirurgicamente ed è composta da un insieme di elletrodi e da un ricevitore/ stimolatore; mentre l’esoprotesi (processore) viene indossata dal paziente e in genere viene posizionata dietro l’orecchio. 

"I progressi clinico-tecnologici che si sono avuti negli ultimi trent’anni - spiega Gallina -  ci permettono oggi di curare le sordità profonde in modo definito. L’impianto cocleare è il primo organo di senso artificiale che può ripristinare la funzionalità uditiva perché sostituisce completamente la parte danneggiata, stimolando elettricamente il nervo acustico. L’obiettivo che ci siamo posti è quello di potenziare sempre più questa offerta di trattamento per la quale spesso i pazienti si spostano fuori regione. In particolare puntiamo ad implementare e consolidare sempre più tale attività per metterla a disposizione della comunità e poter offrire una risposta concreta alle molte richieste che provengono da utenti della Sicilia occidentale”.

Le persone candidabili a questo tipo di operazione nella popolazione adulta sono quelle colpite da un tale livello di sordità per il quale le classiche protesi non sortiscono gli effetti sperati. Il trattamento non si esaurisce nella parte chirurgica che rappresenta solo il primo step; successivamente deve essere intrapreso un programma riabilitativo progressivo in cui sono coinvolte più strutture cliniche, specialità tutte presenti all’interno del Policlinico: dall'Audiologia, diretta da Francesco Martines, dalla Radiologia per le indagine diagnostiche  preoperatorie, alla Foniatria per gli interventi riabilitativi e logopedici. L’intento futuro è quello di estendere l’applicazione degli impianti cocleari anche ai bambini per venire incontro alle numerose richieste che pervengono dal fronte pediatrico. Per ulteriori informazioni è possibile scrivere all’indirizzo mail: impianticocleari.orlpa@gmail.com.

"È un ambito di attività in cui come azienda crediamo molto - sottolinea il commissario straordinario Alessandro Caltagirone – perché siamo convinti che sia compito di una struttura sanitaria creare le condizioni per potenziare l’offerta laddove vi è più richiesta per evitare soprattutto che i pazienti debbano recarsi altrove, con maggiori costi in primis per chi è direttamente coinvolto, ma anche per il nostro sistema sanitario in generale. Il Policlinico ha al suo interno tutte le competenze per poter diventare – con un incremento costante nel numero di interventi – un riferimento per la popolazione che ha il diritto di poter trovare un trattamento specialistico vicino casa".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Policlinico il primo impianto cocleare: i medici restituiscono l'udito ai pazienti con sordità profonda

PalermoToday è in caricamento