Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Soldi e sesso per fare il modello? "Quei rapporti erano consenzienti", assolto

A distanza di dieci anni si chiude con una sentenza di assoluzione piena (perché il fatto non sussiste) il processo a carico di un 58enne, accusato di truffa ai danni di un 28enne palermitano

Quei rapporti sessuali erano consenzienti e non c'è stato nessun tentativo di truffa. A distanza di dieci anni si chiude con una sentenza di assoluzione piena (perché il fatto non sussiste) il processo a carico di un 58enne, accusato di truffa ai danni di un 28enne di Palermo. Ad emettere il verdetto è stata la Corte d’Appello che ha ribaltato la sentenza di primo grado con cui l’uomo venne condannato disponendo l’assoluzione nel merito e non per intervenuta prescrizione così come aveva richiesto la Procura generale.

Tutto era nato dopo l'esposto della presunta vittima palermitana: il 58enne avrebbe promesso al giovane un futuro nel patinato mondo delle passerelle. I due si erano conosciuti su internet, in una chat. Da lì i contatti e le frequentazioni. L'uomo - secondo l'accusa - gli avrebbe assicurato contatti con agenzie di modelli, book fotografici, un posto nelle sfilate delle griffe più prestigiose. Ma tutto questo avrebbe avuto un prezzo: quello economico sarebbe stato di 5 mila euro, necessario per spese di agenzia e permanenza nella capitale. Il ragazzo palermitano sosteneva che il 58enne avrebbe preteso prestazioni sessuali, prospettandogli che avrebbe dovuto concedersi anche ad altre persone che lavoravano nel mondo della moda.

Diametralmente opposta la versione dei fatti resa dall'indagato. L'uomo ha negato di avergli mai prospettato la possibilità di fare carriera nel mondo della moda. Ha aggiunto poi che fra loro ci sarebbe stata una relazione sentimentale, ed anche un breve periodo di convivenza. Per quanto riguarda il risvolto economico, ha precisato di aver ricevuto circa duemila e 500 euro dal ragazzo, ma a titolo di prestito personale poiché in quel momento si trovava in difficoltà economiche.

Il processo ha stabilito che non sarebbe stata compiuta alcuna truffa, i rapporti sarebbero stati consenzienti e la denuncia sarebbe stata una vendetta del giovane per la fine della relazione. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Soldi e sesso per fare il modello? "Quei rapporti erano consenzienti", assolto

PalermoToday è in caricamento