rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca

"Parabola vicino all'Università, dispositivo che sfrutta energia solare: unico in Europa"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

A proposito dell'installazione di una parabola nei dintorni dell'Università che ha destato alcuni interrogativi - scrive il professore Valerio Lo Brano, presidente del corso di Laurea magistrale in Ingegneria Energetica e Nucleare e docente di Solar Energy Systems presso lo stesso corso - vorrei tranquillizzare tutti gli utenti: l'impianto in questione è un sistema a concentrazione solare (CSP Concentrating Solar Power) e non un’antenna ricevente o emittente. Si tratta di un dispositivo "green" che sfrutta l'energia rinnovabile del sole per convertire la luce solare in energia elettrica e calore in modo simile a un pannello fotovoltaico o un collettore solare. In questo caso la luce solare concentrata riscalda un cosiddetto motore Stirling che a sua volta produce elettricità. Il concentratore quindi fornisce energia elettrica senza operare alcuna combustione, senza produrre polveri o fumi, senza trasmettere o ricevere radiofrequenze, senza inquinare l'aria, l'acqua o il suolo".

"Il dispositivo rappresenta lo stato dell'arte delle tecnologie che sfruttano l'energia solare, attualmente è l'unico in Europa e sarà il primo nel mondo ad essere connesso alla rete elettrica. Un vanto per l'Università di Palermo che ospita questo prototipo, per la città di Palermo e per i cittadini convinti assertori del valore dell'ambiente e delle tecnologie rinnovabili. Sarò ovviamente lieto di incontrare presso la Scuola Politecnica coloro che vogliano visitare il sito dell'impianto".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Parabola vicino all'Università, dispositivo che sfrutta energia solare: unico in Europa"

PalermoToday è in caricamento