Cronaca

Villabate, una via a generale nazista Polemiche su delibera del Sindaco

Il primo cittadino Di Chiara sceglie di intitolare due strade a Erwin Rommel e Manfred von Richthofen, leggendario barone rosso. Qualche mese fa non presa in considerazione una proposta per Peppino Impastato

Ad un eroe antimafia no, ma ad un generale nazista sì. Polemiche sulla scelta del sindaco di Villabate Gaetano Di Chiara di intitolare due strade a Manfred von Richthofen, “il leggendario barone rosso, talento puro dell'aviazione tedesca”, e poi Erwin Rommel, “generale tedesco conosciuto anche con il soprannome ‘la volpe del deserto’, morto suicida - spiega la delibera della giunta - a causa dei pesanti sospetti della sua connessione con i cospiratori nel complotto contro Hitler". Ecco chi, secondo il sindaco, insieme a quattro ex primi cittadini è meritevole di entrare a far parte della toponomastica della cittadina a pochi chilometri da Palermo.


La delibera per l'intitolazione delle nuove strade è stata pubblicata sabato all'albo pretorio: "Non riesco ancora a crederci – dichiara a Repubblica il consigliere comunale Antonino Retaggio, che da anni si batte perché venga dedicata una strada al soldato eroe di Villabate – che il Comune ha dimenticato Giovanni Militello fu catturato sul fronte russo e deportato nel campo di concentramento di Altengrabow. Il Consiglio e poi anche la giunta avevano dato parere favorevole per intitolargli una strada. Ma la pratica si è persa”. Qualche mese fa, Retaggio aveva proposto di intitolare qualcosa anche a Peppino Impastato: “Sarebbe stato un modo per riscattare la nostra cittadina, tristemente famosa per gli scioglimenti del Consiglio comunale per mafia”. La proposta, però, non è stata neanche presa in considerazione

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villabate, una via a generale nazista Polemiche su delibera del Sindaco

PalermoToday è in caricamento