Il sindaco di Ficarazzi: non potabile l'acqua erogata tramite la rete idrica comunale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday


Con ordinanza sindacale n. 56 del 21 settembre 2016, il sindaco di Ficarazzi, avv. Paolo Francesco Martorana, dichiara non potabile l'acqua erogata tramite la rete idrica comunale e ne vieta il suo utilizzo in tutto il territorio comunale, sia per scopi potabili che per uso alimentare.

Il provvedimento sindacale è stato adottato dal sindaco di Ficarazzi in chiave del tutto cautelativa, in seguito a una nota dell'ASP - Dipartimento di prevenzione medico UOC Igiene degli alimenti e Sorveglianza e prevenzione nutrizionale del 20 settembre 2016, con la quale l'azienda sanitaria comunicava al comune che il controllo microbiologico dell'acqua, effettuato in presenza dell'AMAP e prelevata in corso Umberto I n. 835, nonchè proveniente dal serbatoio Cannita, aveva evidenziato la presenza di trilometani totali superiori al limite previsto.

Pertanto, secondo quanto sollecitato nella nota dell'ASP, il sindaco di Ficarazzi ordina ad AMAP, in qualità di società che ha in gestione la distribuzione dell'acqua potabile nel comune di Ficarazzi e i servizi connessi, di adottare i provvedimenti necessari a ripristinare le condizioni di potabilità, cosi come previsto del D.Lgs. 31/2001, attenzionando la clorazione delle acque e di condurre i controlli sulla distribuzione idropotabile, soprattutto quella in uscita dal serbatoio comunale di contrada cannita e lungo la condotta cittadina, trasmettendo al comune di Ficarazzi le risultanze sulle verifiche effettuate.

Maria Luisa Domino

Ufficio Stampa - Comune di Ficarazzi.

Torna su
PalermoToday è in caricamento