Sindacato dei finanzieri: Antonio Gioia eletto segretario in Sicilia

Mentre in Parlamento è al vaglio il testo di legge per consentire la sindacalizzazione anche ai corpi militari, il Sinafi costituisce la segreteria regionale. Eletti tutti gli organi sindacali

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Eletti i rappresentanti siciliani del Sindacato Nazionale dei Finanzieri “Cum Grano Salis”. A rappresentare i militari delle fiamme gialle sull'isola sarà Antonio Gioia che, nella duplice veste di Segretario Regionale e Legale Rappresentante, guiderà della Segreteria Siciliana, affiancato da Nicola Carlucci (Tesoriere) e da Giuseppe Saracino (Segretario). Nel corso dell'Assemblea di tutti gli iscritti, tenutasi lo scorso 29 luglio all'Astoria Palace Hotel di Palermo, sono stati eletti anche gli altri organi sindacali: Consiglio Direttivo, Collegio dei Revisori Contabili e Collegio dei Probiviri.

Il Direttivo Si.Na.Fi. Sicilia è presieduto da Rosario Greco e composto da: Salvatore Romeo, Angelo Genovese, Gaetano Amari e Nicola Liguori. Carmine D'angelo presiede il Collegio dei Revisori Contabili, i cui membri sono: Antonina Caminita e Salvatore Iovino; eventuali supplenti saranno Concetto Di Guardo e Giacomo Verderame. Giuseppe La Spina guida il Collegio dei Probiviri, di cui fanno parte: Giuliana Di Dato e Paolo Caci; membri supplenti: Francesco Cutrò e Gennaro Carucci. La costituzione della segreteria in Sicilia è la seconda in Italia, dopo quella dell'Emilia Romagna; a breve , viene specificato in un comunicato diramato dal Si.Na.Fi, saranno elette ben altre 13 segreterie regionali ed interregionali, tra cui quella della Calabria e del Lazio.

L’obiettivo del Si.Na.Fi. Sicilia, spiegano i vertici, è quello di rappresentare e curare in sede periferica gli interessi economici, normativi, giuridici, professionali, previdenziali ed assistenziali degli appartenenti alla Guardia di Finanza in servizio nella regione, nel rispetto dei principi di democraticità, unitarietà e pari dignità tra i diversi ruoli di cui fanno parte i finanzieri. Dopo le elezioni dei rappresentanti, a Palermo si è tenuto un interessante convegno sul tema della sindacalizzazione del personale militare, a seguito della sentenza 120/2018 della Corte Costituzionale con la quale è stata sancita l’illegittimità del divieto per i militari di costituire sindacati. Di particolare interesse non soltanto per l'argomento in sé, visto che la sindacalizzazione per i corpi militari è di portata storica, ma quanto per l'input dell'avvocato Maurilia Scamardo volto a correggere in tempo utile il testo della Legge attualmente al vaglio del Parlamento. Infatti, per l'avvocato Scamardo il progetto di Legge sulla sindacalizzazione dei militari, attualmente all’esame della Commissione Difesa della Camera dei Deputati, contiene una serie di requisiti che, di fatto, minano all’origine il processo di sindacalizzazione in atto, non rispettando né il dettame costituzionale né quanto sentenziato dal Giudice delle Leggi.

Sul punto entrambi i Deputati presenti, Carolina Varchi ed Erasmo Palazzotto, hanno riconosciuto la necessità di correggere il testo della norma in modo da giungere ad una Legge ampiamente condivisa, vista la notevole importanza che la stessa assumerà per il mondo militare. Oltre ai parlamentari Varchi e Palazzotto, rispettivamente componenti delle commissioni Giustizia e Difesa della Camera dei Deputati sono intervenuti: l'avvocato Maurilia Scamardo, esperto di Diritto Amministrativo ed Internazionale; Luigi Lombardo, Francesco Quattrocchi e Domenico Ballotta rappresentanti delle segreterie Siap, Siulp e Fns Cisl. Partecipi inoltre i dirigenti sindacali delle Forze di Polizia civili; si sono detti pronti ad appoggiare ogni iniziativa utile per il pieno riconoscimento dei diritti sindacali anche per il personale militare. Le conclusioni della giornata sono state affidate ad Eliseo Taverna, Segretario Generale del Sindacato Nazionale Finanzieri.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento