rotate-mobile
Cronaca

Sicilia Digitale, Uil e Cisl : "A rischio trenta lavoratori"

Proclamato lo stato di agitazione

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Non ci sarà nulla da festeggiare per i lavoratori di Sicilia Digitale. Dal primo gennaio, infatti, finiranno in mezzo alla strada i trenta somministrati. A rischio anche i 70 interni, soggetti a un percorso di rimodulazione di costi e risorse umane di cui non sappiamo nulla. Colpa di una politica distratta e consapevole di un contratto di servizio che già quest’anno non ha coperto i costi gestionali e che per l’anno prossimo non riuscirà a portare il bilancio in pareggio”. Lo dichiarano Enzo Comella e Danilo Borrelli della Uilm e UilTemp Sicilia e Antonio Nobile della Fim Cisl Palermo, che aggiungono: “L’Arit, il braccio operativo dell’assessorato regionale al Bilancio, non ha messo a disposizione i fondi necessari per coprire tutte le spese della società. Per questo motivo abbiamo proclamato lo stato di agitazione a tempo indeterminato, a partire già da oggi, e uno sciopero di tre ore lunedì 27 dicembre, dalle 8 alle 11 davanti alla sede della società in via Ammiraglio Thaon de Revel 20. Non escludiamo che, in assenza di risposte, il sit-in si sposterà alla presidenza della Regione, riteniamo che questa sia l’ultima chiamata per potere salvare la società, ritenuta strategica dalla stessa politica”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicilia Digitale, Uil e Cisl : "A rischio trenta lavoratori"

PalermoToday è in caricamento