Si masturba davanti alla dipendente del chiosco e la perseguita: arrestato

In manette un palermitano a Bologna. Durante l'intervento gli agenti hanno anche accertato che l'uomo poche ore prima aveva rapinato un'altra donna

Già da prima del lockdown l'avrebbe importunata in tutti i modi, arrivando anche a denundarsi davanti a lei. Un palermitano di 52 anni (D.D.C. le sue iniziali) è stato arrestato a Bologna: è accusato di atti persecutori nei confronti di una trentenne italiana. I fatti risalgono a mercoledì pomeriggio. L'uomo è stato fermato dagli agenti dopo che la vittima aveva segnalato le ennesime angherie, che sarebbero andate avanti da diverso tempo.

Secondo quanto riferito agli agenti, il 52enne era solito stazionare nei pressi del chiosco "L'Agnese delle cocomere", piuttosto noto a Bologna, e avrebbe assunto atteggiamenti equivoci, mimando gesti osceni nei confronti della donna e arrivando anche a seguirla alla chiusura dell'attività lavorativa e, in almeno una occasione, a masturbarsi a distanza alla sua vista.

L'uomo, con alle spalle una molteplicità di precedenti specifici in materia, è stato perquisito: gli agenti gli hanno trovato addosso un taglierino e uno spray urticante, oltre a un cellulare di cui l'uomo non avrebbe saputo giustificare il possesso. Dopo un breve accertamento è risultato che il telefono in questione era stato oggetto di una rapina, consumatasi proprio la mattina precedente, in via Laureti, ai danni di un'altra donna di 24 anni. Al termine degli accertamenti il palermitano è stato portato via in manette.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'uomo si metteva lì, di fronte al chiosco e importunava la ragazza che ci lavorava - si legge sul Resto del Carlino -. Lo stalker aveva iniziato a perseguitare la trentenne a inizio febbraio. Dopo una pausa forzata dovuta al lockdown, a maggio ha ricominciato. E l’altro pomeriggio era di nuovo lì. Così, la vittima ha chiamato la polizia, raccontando un quotidiano fatto di pedinamenti, atti osceni e avances pesanti. Persino minacce, armato di coltello". Di Cesare è stato arrestato per stalking e denunciato per rapina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Strage Capaci, Emanuele Schifani e quel papà mai conosciuto: "Non provo odio ma tanta rabbia"

  • Negativa a 3 tamponi, torna positiva al Covid: "Così sono ripiombata nell'incubo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento