rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca

Partita la decima missione della Mare Jonio: a guidarla è una 35enne palermitana

Si chiama Sheila Melosu e da anni è un'attivista e volontaria di Emergency. Ieri ha lasciato il porto di Trapani a bordo della nave alla volta del Mediterraneo centrale. Obiettivo? Salvare altre vite umane

Ha 35 anni anni, è palermitana ed è la tra le più giovani capomissione della flotta civile europea. E' questo l'identikit di Sheila Melosu, attivista e volontaria di Emergency salpata ieri dal porto di Trapani a bordo della Mare Jonio, l'unica nave del soccorso civile battente bandiera italiana, per la sua decima missione nel Mediterraneo centrale. Affiancherà gli altri assetti già presenti nel Mediterraneo e nella zona Sar libica per i servizi di pattugliamento e soccorso."Quando nel 2019, al ritorno dalla terza missione, la Mare Jonio è arrivata a Palermo - racconta all'Adnkronos - ho cominciato a occuparmi della logistica e dello shipping management della nave. E sono diventata anche parte integrante della vita associativa a livello locale e nazionale di Mediterranea. Sono 'salita a bordo' allora, e adesso eccomi qui".

Una 'formazione sul campo', la sua, maturata "dai 18 ai 28", da attivista di Emergency, di cui è stata referente del gruppo di Palermo. "Ho ricoperto il ruolo di logista e organizzatrice di eventi e incontri nazionali - spiega - e ho collaborato alla costruzione e apertura del primo ambulatorio del Progetto Italia, a Palermo, destinato principalmente a persone in difficoltà, migranti e non solo". La difesa dei diritti umani e non solo. Perché l'altra grande passione di Sheila è il cinema. Nel suo curriculum anche il lavoro da project manager di SiciliAmbiente Film Festival. "Mi ha permesso di sperimentare nella pratica il tema della lotta per la sostenibilità ambientale". Adesso la nuova sfida, benedetta anche dall'arcivescovo Corrado Lorefice, con Mare Jonio. Qualche giorno prima della partenza Lorefice e il vescovo di Trapani hanno fatto visita all'aquipaggio. "Grazie per esserci venuti a trovare", commenta la capomissione sul suo profilo Facebook. "Porteremo in missione con noi - recita il post di Mediterranea saving  - il loro augurio di buon vento per realizzare il sogno di una fratellanza universale".

Fonte: Adnkronos

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Partita la decima missione della Mare Jonio: a guidarla è una 35enne palermitana

PalermoToday è in caricamento