rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca Politeama / Via Cavour

La "Casa del popolo" chiude dopo 3 mesi, sgomberata ex sede dell’Istituto sordomuti

Mentre in via Cavour andava in scena una protesta pacifica, le forze dell’ordine hanno fatto uscire gli occupanti di Potere al popolo che si trovavano lì dalla scorsa estate. Cangemi: "Ferito tessuto di solidarietà e impegno"

Sgomberata la "Casa del popolo". Le forze dell’ordine hanno fatto uscire dall'ex sede dell'Istituto nazionale sordomuti di via Cavour, per lungo tempo abbandonata, gli occupanti di Potere al popolo che avevano cercato di farne uno spazio aperto alla città. "Doposcuola popolare, sportello per il lavoro e contro lo sfruttamento, insegnamento dell'italiano agli stranieri, sportello emergenza abitativa, raccolta e distribuzione indumenti, biblioteca e aule studio", annunciavano gli organizzatori la scorsa estate.

L forze dell'ordine oggi hanno proceduto allo sgombero e messo i sigilli, mentre un sit-in di protesta pacifica è andato in scena in via Cavour. "La massima solidarietà va ai compagni e alle compagne che hanno dato vita alla straordinaria esperienza della Casa del popolo di Palermo, colpita oggi da un'operazione di sgombero che ferisce un meraviglioso tessuto di solidarietà e impegno" dice Luca Cangemi, componente della segreteria nazionale del Pci.

"Cosa abbiamo fatto finora?", il video pubblicato sulla pagina Facebook

"Non è il primo episodio del genere in Italia e nella stessa Sicilia. Come non ricordare - prosegue - l'operazione che ha colpito, qualche mese fa, la splendida esperienza del Cpo Colapesce a Catania. Si colpisce chi con grande generosità prova a costruire, nei territori più difficili, protagonismo popolare e socialità sottratta alla mercificazione, in definitiva si colpisce chi costruisce speranza. Bisogna rispondere con una grande mobilitazione unitaria e rafforzando la rete della solidarietà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La "Casa del popolo" chiude dopo 3 mesi, sgomberata ex sede dell’Istituto sordomuti

PalermoToday è in caricamento