rotate-mobile
Mercoledì, 12 Giugno 2024
Cronaca

Cura delle malattie mentali tra i detenuti, istituita una nuova sezione al Pagliarelli

L'assessore regionale alla Salute Giovanna Volo e il provveditore regionale per l'amministrazione penitenziaria hanno siglato un protocollo. Lo scopo è agevolare l'accesso alle terapie per i reclusi

Due nuove sezioni per la salute mentale al carcere Pagliarelli e in quello di Siracusa. Il protocollo d'intesa è stato firmato tra l'assessorato regionale alla Salute e il provveditorato regionale dell'amministrazione penitenziaria. "Si tratta – afferma l'assessore Giovanna Volo – di un'azione doverosa di intensificazione dei servizi sanitari di natura psichiatrica sul territorio regionale. In questo caso, l'obiettivo è quello di conciliare le specifiche esigenze di diagnosi e cura dei detenuti affetti da gravi patologie psichiatriche con le modalità gestionali e organizzative tipicamente penitenziarie".

Le sezioni previste dal protocollo si aggiungono a quella già presente nella casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto. Per ognuna è previsto il coinvolgimento delle aziende sanitarie territoriali di competenza. Nelle strutture intramurarie potranno ricevere assistenza sanitaria persone affette da disturbi dello spettro della schizofrenia e da disturbo bipolare. Attraverso attività di tipo sociosanitario, di diagnosi e di cura, integrate con attività proprie della realtà penitenziaria, sarà assicurato il raggiungimento degli obiettivi di salute e di riabilitazione degli assistiti tramite l'adozione di programmi terapeutico-riabilitativi e di inclusione sociale.

"Il nuovo impianto organizzativo – afferma Cinzia Calandrino, provveditore regionale dell'amministrazione penitenziaria – determinerà un'implementazione dei livelli di assistenza sanitaria di carattere psichiatrico nrei vari istituti penitenziari della regione, al fine di favorire l'accesso dei detenuti a forme di assistenza socio-sanitarie integrate, sia nel contesto penitenziario sia sociale e territoriale". L'assessore inoltre, con un decreto, ha riattivato anche l'Osservatorio regionale permanente sulla sanità penitenziaria che ha già ripreso a lavorare dopo l'interruzione causata dalla pandemia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cura delle malattie mentali tra i detenuti, istituita una nuova sezione al Pagliarelli

PalermoToday è in caricamento