Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Sesso, botte e testa infilata nel freezer: palermitano condannato a cinque anni

Un ragazzo di 29 anni, residente a Ravenna, è finito nei guai con l'accusa di maltrattamenti e violenze sessuali sulla compagna

Un palermitano di 29 anni, residente a Ravenna è stato condannato a cinque anni e mezzo con l'accusa di maltrattamenti e violenze sessuali sulla compagna. "Il giovane - si legge sull'edizione online del Resto del Carlino - pretendeva da lei sesso dopo averla picchiata. La accusava di vestire abiti troppo succinti e in una occasione, durante una delle frequenti liti, le aveva infilato la testa nel freezer. Il tribunale collegiale – giudici Cecilia Calandra, Federica Lipovscek, Cristiano Coiro – ha inoltre riconosciuto alla vittima, parte civile con la tutela dell’avvocato Valentina Bartolini per Linea Rosa, una provvisionale di 25mila euro". I maltrattamenti sarebbero durati per anni. Ieri mattina la condanna. Il palermitano era difeso dall’avvocato Cecilia Scalambra.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sesso, botte e testa infilata nel freezer: palermitano condannato a cinque anni

PalermoToday è in caricamento