rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca

Servizi contro il disagio sociale, contributi da 300 mila fino 5 milioni per i Comuni delle aree interne

L'opportunità è offerta da un bando dell'Agenzia per la coesione sociale con i fondi del Pnrr. Le domande di partecipazione dovranno essere trasmesse per via telematica entro il 16 maggio

Nel Palermitano come in tutta la Sicilia in arrivo contributi da 300 mila fino 5 milioni di euro ai Comuni delle aree interne e agli enti pubblici (in particolare del settore sanitario) ricadenti all'interno dei medesimi territori comunali, per progettare nuovi servizi e infrastrutture sociali o migliorare i servizi esistenti contro il disagio e la fragilità dei cittadini. L'opportunità è offerta da un bando dell'Agenzia per la coesione sociale con i fondi del Pnrr.

"I Comuni - spiega Giuseppe Sciarabba, presidente dell'Agenzia di sviluppo del Mezzogiorno - sia in forma singola, sia associata (in forma associata, il numero di abitanti è dato dalla somma degli abitanti dei comuni associati) potranno presentare fino ad un massimo di tre proposte progettuali il cui importo complessivo (dato dalla somma degli importi delle proposte presentate) non dovrà superare un importo massimo pari a: 300 mila euro per i Comuni fino a 3 mila abitanti; 1 milione da 3.001 a 10 mila abitanti; 2 milioni da 10.001 a 30 mila abitanti; 3 milioni oltre 30.001 abitanti. Gli enti pubblici possono presentare fino ad un massimo di tre proposte il cui importo complessivo (dato dalla somma degli importi delle singole proposte presentate) non dovrà superare 5 milioni di euro". sciarabba-4

"Sono ammessi in via prioritaria - continua Sciarabba - i progetti con i seguenti ambiti di intervento, fra loro cumulabili: servizi di assistenza domiciliare per gli anziani e relative infrastrutture; infermiere e ostetriche di comunità e relative infrastrutture; rafforzamento dei piccoli ospedali (quelli senza pronto soccorso, servizi di base come radiologia, cardiologia, ginecologia o centri ambulatoriali); infrastrutture per l’elisoccorso; rafforzamento dei centri per disabili; centri di consulenza, servizi culturali, servizi sportivi; accoglienza dei migranti e relative infrastrutture. Per i Comuni - conclude Sciarabba - sono ammissibili i progetti che riguardino: lavori pubblici; forniture di beni o servizi; lavori pubblici e forniture di beni o servizi".

Le domande di partecipazione dovranno essere trasmesse per via telematica, tramite la piattaforma accessibile dal sito dell'Agenzia per la coesione territoriale, a partire dalle 9 dell'11 aprile 2022 e fino alle 14 del 16 maggio 2022. Ecco l'elenco dei Comuni delle Aree interne della provincia di Palermo: Alia, Alimena, Aliminusa, Altavilla Milicia, Altofonte, Bagheria, Balestrate, Baucina, Belmonte Mezzagno, Bisacquino, Blufi, Bolognetta, Bompietro, Borgetto, Caccamo, Caltavuturo, Campofelice di Fitalia, Campofelice di Roccella, Campofiorito, Camporeale, Capaci, Carini, Castelbuono, Casteldaccia, Castellana Sicula, Castronovo di Sicilia, Cefalà Diana, Cefalù, Cerda, Chiusa Sclafani, Ciminna, Cinisi, Collesano, Contessa Entellina, Corleone, Ficarazzi, Gangi, Geraci Siculo, Giardinello, Giuliana, Godrano, Gratteri, Isnello, Isola delle Femmine, Lascari, Lercara Friddi, Marineo, Mezzojuso, Misilmeri, Monreale, Montelepre, Montemaggiore Belsito, Palazzo Adriano, Palermo, Partinico, Petralia Soprana, Petralia Sottana, Piana degli Albanesi, Polizzi Generosa, Pollina, Prizzi, Roccamena, Roccapalumba, San Cipirello, San Giuseppe Jato, San Mauro Castelverde, Santa Cristina Gela, Santa Flavia, Sciara, Scillato, Sclafani Bagni, Termini Imerese, Terrasini, Torretta, Trabia, Trappeto, Ustica, Valledolmo, Ventimiglia di Sicilia, Vicari, Villabate, Villafrati.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servizi contro il disagio sociale, contributi da 300 mila fino 5 milioni per i Comuni delle aree interne

PalermoToday è in caricamento