Servizi per l'infanzia e spazi ludico-ricreativi per bambini: riaprono 70 centri

Orlando: "Un segnale della grande necessità che le famiglie, ma soprattutto i bambini e le bambine hanno di tornare ad una socialità che per quanto limitata dalle norme di prevenzione, torni ad essere quanto più possibile normale e vitale"

Sono circa 70 i centri privati che da domani a Palermo avvieranno attività ludico ricreative per bambini e adolescenti dandone comunicazione al Comune tramite lo strumento online recentemente attivato sul sito istituzionale. "Un segnale - secondo il sindaco Leoluca Orlando  - della grande necessità che le famiglie, ma soprattutto i bambini e le bambine hanno di tornare ad una socialità che per quanto limitata dalle norme di prevenzione, torni ad essere quanto più possibile normale e vitale.

"Ieri sera il sindaco aveva contattato il presidente della Regione Nello Musumeci e l'assessore Regionale alla famiglia, a seguito della pubblicazione dell'ultima ordinanza, da cui sembrava evincersi uno slittamento dell'apertura delle strutture per l'infanzia. Stamattina dal Governo regionale è venuto il chiarimento che anche in Sicilia si applicano le norme nazionali previste dall'ultimo Dpcm.

"Un chiarimento necessario - conclude Orlando - che contribuisce a dare tranquillità alle famiglie che già si erano organizzate e agli operatori delle strutture coinvolte."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Grida "mamma" e si accascia in cucina, morta bimba di 9 anni ad Acqua dei Corsari

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento