Cronaca Porto Sant'Erasmo

Sant'Erasmo, tonni pescati illegalmente legati ai galleggianti al largo: scatta il sequestro

A eseguire l'intervento di recupero i sommozzatori e gli specialisti nautici dei vigili del fuoco del Comando di Palermo in collaborazione con la Capitaneria di porto: "Escamotage usato dai pescatori per poter superare le quote previste dalla legge"

Maxi sequestro di tonno rosso nel pomeriggio di ieri al largo di Sant'Erasmo. A eseguire l'intervento di recupero i sommozzatori e gli specialisti nautici dei vigili del fuoco del Comando di Palermo in collaborazione con la Capitaneria di porto. I pesci, cinque esemplari, per un totale di oltre una tonnellata di prodotto, erano stati pescati illegalmente e legati ad alcuni galleggianti al largo in mare dove erano stati collocati anche dei gps.

"Un escamotage - spiegano dalla Capitaneria - utilizzato dai pescatori per evitare i controlli e poter superare le quote previste per la pesca del tonno. Per fortuna il piano di recuperare i pesci è andato in fumo: il tonno lasciato in acqua va in putrefazione e produce istamina sostanza che può essere pericolosa per l’uomo per il rischio di intossicazione. Dopo il controllo del medico dell'Asl sono stati donati all'associazione "Boccone del povero".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sant'Erasmo, tonni pescati illegalmente legati ai galleggianti al largo: scatta il sequestro

PalermoToday è in caricamento