"E' pericoloso": sequestrato (per la seconda volta) il pontile di Romagnolo

La struttura, fortemente degradata e più volte incendiata, era già stata sequestrata per gli stessi motivi nel 2015. Poi nel 2018 venne dissequestrata. Da allora non è mai stata riqualificata

Il pontile Romagnolo

Sequestrato per la seconda volta il pontile di Romagnolo che si trova in via Messina Marine, di fronte a via Amedeo d’Aosta. Secondo gli agenti del nucleo Tutela patrimonio artistico della polizia municipale, che hanno effettuato un sopralluogo con alcuni tecnici dell’edilizia, è pericolo per la sicurezza pubblica. La struttura, fortemente degradata, era già stata sequestrata per gli stessi motivi nel 2015. Poi nel 2018 venne dissequestrata. Da allora il manufatto non è stato riqualificato, ed è andato più volte a fuoco

"Gli incendi appiccati da parte di ignoti - spiegano dal Comando di polizia municipale - ne hanno peggiorato le condizioni strutturali". Inoltre, essendo il pontile facilmente accessibile, è stato nel tempo più volte vandalizzato: presenta oggi alcune parti mancanti, in particolare nella pavimentazione in legno e nei parapetti laterali. Infine, l'area sottostante è invasa da rifiuti di ogni tipo. Quest'anno la Regione ha inserito il pontile di Romagnolo tra i beni marittimi del bando che prevede la concessione a titolo oneroso delle strutture per un periodo da 6 a 50 anni. Lo scopo era proprio quello di valorizzare questi immobili dimenticati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Centro Convenienza chiude e non consegna i mobili già pagati: "Clienti truffati"

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • Folle serata allo Sperone, litiga con la moglie per i Sofficini e viene arrestato

  • L'arancina più buona a Palermo, gara alla vigilia di Santa Lucia: vince il Bar Matranga

Torna su
PalermoToday è in caricamento