Porto, agenzia delle dogane e Guardia di finanza sequestrano 54 tonnellate di pellet

Le due partite di materiale, provenienti dall'Egitto e destinate a due aziende siciliane, sono risultate di "qualità inferiore all’etichettatura commerciale di classe A1"

I funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli, in collaborazione con la Guardia di finanza, hanno sequestrato 54 tonnellate di pellet di legno non conforme alla normativa europea.

Le due partite di pallet, rintracciate il 6 e il 13 marzo scorso al porto, sono risultate di "qualità inferiore all’etichettatura commerciale di classe A1". Così è emerso dalle analisi chimiche effettuate presso il laboratorio territoriale dell’Agenzia Dogane e Monopoli. Che spiega: "Il consumatore sarebbe stato tratto in inganno sulle reali caratteristiche del prodotto, proveniente dall'Egitto e destinato a due società operanti in Sicilia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli amministratori delle società importatrici, di entrambe le partite di merce sequestrate, sono stati denunciati, all'autorità giudiziaria "per tentata vendita di prodotti industriali con segni mendaci".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, prima vittima a Palermo: 55enne muore all'ospedale Civico

  • Un altro caso di Coronavirus fa tremare Comdata, donna positiva: "Ora la situazione è grave"

  • Virus, sui social si pianifica l'assalto ai supermercati: in campo polizia e carabinieri

  • Coronavirus, in Sicilia già venti morti: salgono a 846 i contagiati, 125 più di ieri

  • Incidente in via Basile, investito da un automobilista che scappa: morto 57enne

  • Coronavirus, furia Musumeci in tv: "La Sicilia è chiusa, da noi per avere dei diritti bisogna gridare"

Torna su
PalermoToday è in caricamento