Cronaca Tribunali-Castellammare / Via Camillo Finocchiaro Aprile

La “mortificazione” del pane e del pesce, sequestro da oltre 300 chili

In un magazzino in vicolo della Pietà, a Ballarò, una persona stava tranciando un pescespada sul pavimento. In via Roccella e corso Olivuzza alcuni ambulanti ammassavano il pane sull'asfalto. In entrambi casi nessuna tracciabilità del prodotto

Pane e pesci venduti senza il rispetto di alcuna norma igienica. Continuano senza sosta in questi giorni i controlli della polizia municipale sul fronte della sicurezza alimentare, al fine di reprimere attività commerciali abusive e garantire la sicurezza dei consumatori. Tra ieri e l'altro ieri, sono stati oltre 300 i chilogrammi di alimenti in cattivo stato di conservazione che sono stati sequestrati nel corso di due operazioni distinte, che hanno anche portato alla denuncia di diversi cittadini.

Un primo intervento è stato realizzato in vicolo della Pietà, nell'area del mercato di Ballarò, dove gli agenti hanno individuato un magazzino all’interno del quale una persona stava sezionando in tranci alcuni esemplari di pesce spada, utilizzando il pavimento come piano di lavorazione. Il locale si presentava in pessime condizioni igienico-sanitarie, con scarti di macellazione e pulizia del pesce in stato di decomposizione sul pavimento ed una cella frigorifera artigianale priva del termostato. Altro pesce era accatastato in mezzo al ghiaccio sul pavimento.

Gli agenti hanno quindi richiesto l’intervento sul posto del Nopa - nucleo operativo protezione ambiente – della Capitaneria di Porto e del dipartimento veterinario dell’Asp per valutare la salubrità dei luoghi e la commestibilità dei prodotti ittici. E' risultato che i prodotti non erano destinabili al mercato e per altro non è stato possibile accertarne la tracciabilità. Si è quindi proceduto al sequestro di circa 200 chili di pesce di vario tipo, che è stato avviato alla distruzione controllata. L’uomo individuato all’interno del magazzino, un palermitano di 38 anni, è stato segnalato all’Autorità giudiziaria per le gravi carenze igieniche, mentre sono stati apposti i sigilli al locale.

Altri sequestri, questa volta di pane, sono stati compiuti in diverse zone della città, per un totale di circa 100 chili di prodotti da forno. In particolare in via Gustavo Roccella e in Corso Finocchiaro Aprile (o corso Olivuzza), sono stati individuati dei venditori di pane sprovvisti di autorizzazioni e che vendevano il pane senza alcun rispetto delle norme igieniche. In un caso con i prodotti ammassati in una cesta direttamente sull'asfalto.

In questo caso, oltre al sequestro dei prodotti che sono stati avviati a distruzione, si è proceduto al sequestro dei mezzi destinati alla vendita, oltre che alla sanzione dei venditori, anch'essi palermitani. “Chi acquista pane per strada - dice il Comandante Vincenzo Messina - probabilmente ritiene di comprare prodotti genuini, ma ignora che difficilmente possono essere rispettati i requisiti di igienicità. Di sicuro la certezza della commestibilità dei prodotti si può avere soltanto dai negozi autorizzati e sottoposti a regolari controlli”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La “mortificazione” del pane e del pesce, sequestro da oltre 300 chili

PalermoToday è in caricamento