Cronaca Addaura / Lungomare Cristoforo Colombo

Lido Acapulco ancora aperto nonostante il sequestro: torna la polizia, denunciati i gestori

Violati i sigilli. All'Addaura in azione anche i vigili e la capitaneria di porto. L'area dove era stato allestito il lido balneare abusivo è stata affidata in custodia giudiziale all'assessorato Territorio e Ambiente della Regione

Aveva riaperto i battenti nonostante fosse sottoposto a sequestro con tanto di sigilli. A distanza di un mese la polizia torna al lido Acapulco Beach, sequestrato appena un mese perché era privo delle autorizzazioni previste dalla normativa vigente (si trova su area demaniale) e denuncia ancora una volta i due gestori che avevano violato i sigilli.

Gli agenti del commissariato Mondello sono intervenuti in collaborazione con i vigili e con l’ausilio della Capitaneria di Porto, nel corso di servizi di controllo sul lungomare Cristoforo Colombo. "All'interno del lido - spiegano dalla questura - venivano somministrati alimenti e bevande senza autorizzazione".

Il nuovo blitz ha portato a un nuovo provvedimento di sequestro (il terzo nell’arco di un mese) di una struttura in muratura, di un servizio igienico e relativi arredi, nonché di attrezzatura varia (lettini, ombrelloni, tavoli, sedie a sdraio) utilizzata per allestire il lido balneare.
I due gestori - i palermitani G.G. di anni 58 e G.F. di anni 40 - sono stati denunciati per i reati di invasione di terreni o edifici aggravata, invasione  di area demaniale marittima protetta e violazione di sigilli. Al termine delle operazioni l'area dove era stato allestito il lido balneare abusivo è stata affidata in custodia giudiziale all'assessorato Territorio e Ambiente della Regione Siciliana.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lido Acapulco ancora aperto nonostante il sequestro: torna la polizia, denunciati i gestori

PalermoToday è in caricamento