Secondo blitz ad Acapulco in due settimane, sequestrati ancora una volta lettini e sdraio

I militari del Nucleo operativo protezione ambientale della guardia costiera hanno denunciato un 41enne per aver occupato 200 metri quadrati di area demaniale all'Addaura senza alcuna autorizzazione

L'intervento della guardia costiera ad Acapulco, Addaura(foto archivio)

Nuovo sequestro ad Acapulco. A poche settimane dall’ultimo intervento i militari del Nucleo operativo protezione ambientale della guardia costiera sono tornati all’Addaura e hanno denunciato all’autorità giudiziaria F.G., 41 anni, per avere occupato circa 200 metri quadrati di area demaniale senza alcuna autorizzazione. Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati lettini, sdraio, ombrelloni da affittare ai clienti e un pozzetto congelatore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La storia di Acapulco si ripete ogni anno seguendo lo stesso copione. Anche nel 2018 la polizia e i vigili urbani hanno eseguito un blitz per le stesse ragioni. In quell’occasione erano stati denunciati anche G.G. (59 anni) e A.C. (91). Appena un mese dopo, nonostante i sigilli, avevano riaperto i battenti senza alcuna licenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Agrigento, violento scontro sulla Statale: un morto

  • Sue le serate più belle del nuovo millennio, Palermo piange per Darin "l'amico di tutti"

  • Appalti, scommesse e pizzo: undici arresti per mafia tra Noce e Cruillas

  • Folla senza mascherina al Berlin, scatta chiusura: "Denunciato il titolare"

  • Mafia, colpo al mandamento della Noce: ecco i nomi degli 11 arrestati

  • Orlando firma l'ordinanza: negozi aperti anche la domenica

Torna su
PalermoToday è in caricamento