"Carenze igienico sanitarie e cibo non tracciato": sequestrati 35 chili di alimenti e un laboratorio

Due gli interventi della polizia municipale: in via Giordano trovati alimenti conservati male, pareti scrostate e prive, in alcuni punti, delle mattonelle; in via Pacinotti pasta, pollo e aragoste erano senza etichetta. Multa da 2.500 euro alla titolare di quest'ultima attività

Un laboratorio alimentare in via Umberto Giordano e 35 chili di cibo non tracciato, collocati all'interno di un'attività commerciale in via Pacinotti (di cui non è stato reso noto il nome), sono stati sequestrati. E' questo il bilancio dei controlli effettuati dal nucleo anti frode della polizia municipale che ha riscontrato all'interno del laboratorio "gravi carenze igienico sanitarie". 

"Sono stati riscontrati - fanno sapere dal comando di via Dogali - cibi in cattivo stato di conservazione, alcuni dei quali senza etichetta. Nei locali è stata riscontrata, poi, una generale mancanza di pulizia ordinaria, pareti scrostate e mattonelle mancanti dai muri. Infine, gli alimenti conservati all’interno dei frigoriferi sono risultati in promiscuità tale da comprometterne l’integrità e la salubrità. Le guarnizioni di tenuta erano consumate e non garantivano l’impostazione della temperatura". La titolare, F.D. di anni 51, è stata denunciata all’autorità giudiziaria.

Nel secondo intervento, in via Pacinotti, sono stati riscontrati alimenti sfusi senza nessuna indicazione sul fornitore/produttore e sul lotto e senza l'indicazione di eventuali allergenici che potrebbero mettere a rischio la salute dei consumatori. I prodotti, tra pasta fresca, mozzarelle, aragoste, astice, scampi, gamberoni, alette e bocconcini d pollo panato, sono stati sequestrati. Sul versante amministrativo gli agenti hanno inoltre riscontrato un ampliamento del locale: la segnalazione sanitaria obbligatoria per legge non era mai stata effettuata allo sportello unico attività produttive. Elevata una multa, per un importo complessivo di 2.500 euro, alla titolare dell’attività, D.S. di 32 anni.

"I controlli sulla sicurezza alimentare - afferma il comandante Gabriele Marchese - continueranno senza soste e saranno incrementati nel periodo di festività per scongiurare eventuali frodi alimentari, per tutelare sia la salute dei consumatori che gli esercenti in regola che conducono le attività nel rispetto della normativa vigente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento