Cronaca Politeama / Via Francesco Crispi

Joypad per Playstation contraffatti: maxi sequestro della Finanza

Duemila controller senza fili di provenienza cinese scoperti sulla nave proveniente da Napoli, il loro valore ammonta a circa 50 mila euro. 4 imprenditori denunciati, sigilli a tre depositi due dei quali nella città partenopea

Due tipi di controller sequestrati

Duemila joypad wireless (senza fili) per Playstation 3 contraffatti sono stati sequestrati dalla guardia di finanza nel corso dei controlli effettuati sotto bordo sulle navi provenienti da Napoli. Il valore della merce scovata in due fasi distinte dell'operazione, condotta insieme ai funzionari dell'Agenzia delle dogane, ammonta a circa 50 mila euro. Quattro gli imprenditori denunciati, mentre sigilli sono stati apposti a tre depositi, due dei quali a Napoli. Gli imprenditori adesso dovranno rispondere di introduzione nello Stato e commercio di prodotti consegni falsi e vendita di prodotti industriali con segni falsi.

Il primo carico è stato individuati nel corso di un'ispezione nel deposito commerciale all'interno degli spazi portuali, adibito a stoccaggio di merce provenite dalla Campania: i militari hanno proceduto all'esame dei documenti di trasporto di cinque colli pronti per essere caricati su un furgone e destinati ad una ditta di Palermo specializzata nella vendita all'ingrosso e al dettaglio, nonchè online, di prodotti per l'informatica. Nei cartoni erano imballati 250 joypad riportanti i marchi "Sixaxis" e "Dual Shock" della casa costruttrice Sony, verosimilmente contraffatti. Ulteriori accertamenti hanno permesso di risalire all'importatore e al fornitore della ditta palermitana, entrambi con sede aziendale nella provincia di Napoli. Alla fine, i sigilli sono stati apposti a tre depositi (due a Napoli ed uno a Palermo), con l'individuazione di ulteriori 1700 joypad taroccati, di provenienza cinese.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Joypad per Playstation contraffatti: maxi sequestro della Finanza

PalermoToday è in caricamento