Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

In un furgone oltre una tonnellata di cozze, vongole e ostriche non tracciabili: scatta il sequestro

I frutti di mare erano trasportati con un mezzo frigo, fermato per un controllo sulla Palermo-Mazara all'altezza dello svincolo di Mondello-Tommaso Natale. Il conducente, per l'assenza di documentazione dovrà pagare una multa di circa duemila euro. Il cibo, dopo valutazione dell'Asp, è stato donato agli ospiti della Missione di Biagio Conte

Oltre mille chilogrammi di frutti di mare, tra cui cozze, fasolari, vongole e ostriche, sono stati sequestrati dalla polizia poiché privi della documentazione per la tracciabilità.

Il sequestro è avvenuto durante i controlli della Stradale sull’autostrada A29 Palermo-Mazara del Vallo, all’altezza dello svincolo di Mondello-Tommaso Natale. Gli agenti hanno fermato il conducente di un furgone-frigo e quando gli hanno richiesto i documenti che devono accompagnare qualsiasi prodotto alimentare, il conducente ha dichiarato di esserne sprovvisto, raccontando di aver acquistato i frutti di mare in Puglia per poi rivenderli nel mercato locale.

Pertanto, essendo privo di tracciabilità, tutto il pescato, come prevede la normativa, è stato sequestrato e al conducente sono state elevate sanzioni per un totale di circa 2.000 euro.

Sul posto è arrivato anche il personale dell’Asp per accertare la commestibilità dei frutti di mare. Ottenuto il via libera dell'autorità sanitaria, tutto il carico, consistente in 1200 chilogrammi di frutti di mare, è stato donato alla missione Speranza e Carità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In un furgone oltre una tonnellata di cozze, vongole e ostriche non tracciabili: scatta il sequestro

PalermoToday è in caricamento