Cronaca

Blitz dopo la soffiata di un confidente, sequestrata una tonnellata di hashish

Duro colpo al narcotraffico che ha visto "svanire" un carico che avrebbe fruttato quasi 10 milioni di euro. L'operazione è stata eseguita dai finanzieri del Gico in un'area di servizio sulla statale 113 vicino Partinico. In carcere Giovanni Vitale, 52 anni

Uno dei panetti di hashish sequestrati dalla guardia di finanza

Un confidente aveva fatto una soffiata su un mega carico di hashish in arrivo a Partinico. E grazie a un appostamento i finanzieri hanno visto un uomo che caricava diversi sacchi di juta su un vecchio Ducato. Poi il blitz. Giovanni Vitale, 52 anni, è stato arrestato negli scorsi giorni dagli uomini del Gico vicino a un'area di servizio lungo la strada statale 113. Sequestrato un carico che, al dettaglio, avrebbe potuto fruttare fino a 10 milioni di euro.

Appena fermato Vitale ha iniziato a mostare la sua insofferenza per quella partita di hashish che stava trasportando senza troppi accorgimenti. I panetti rinvenuti, contrassegnati dalla scritta "Sky 1", erano infatti coperti solamente da un grosso telo. E' possibile quindi ipotizzare che lo stupefacente sequestrato a Partinico, e che probabilmente sarebbe stato smistato nel comprensorio, fosse arrivato lì dopo un lungo viaggio e un altro recente trasbordo.

Immediato è scattato l'arresto per Vitale, portato in carcere in attesa di processo. Investigatori e inquirenti hanno subito avviato le indagini per chiarire da dove arrivasse lo stupefacente e dove fosse diretto. L'entità del sequestro lascia intendere che dietro il carico di hashish ci possa essere la criminalità organizzata, che avrebbe anticipato centinaia di migliaia di euro per acquistare all'ingrosso quei panetti marchiati "Sky 1".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blitz dopo la soffiata di un confidente, sequestrata una tonnellata di hashish

PalermoToday è in caricamento