Il cane poliziotto fiuta la droga, scoperta centrale dello spaccio: quattro arresti allo Sperone

All'interno di un appartamento in passaggio Giuffrida scovati hashish, marijuana e crack. Lo stupefacente, che è stato sequestrato, era nascosto ovunque: in bagno era stato murato in un'intercapedine. In un mobile trovate anche banconote di diverso taglio

Quattro arresti e 38 dosi di crack, 400 grammi di marijuana e 1,7 chili di hashish sequestrati. E' questo il bilancio dell'ultima operazione antidroga messa a segno dai poliziotti del Commissariato Brancaccio allo Sperone. In un appartamento all'interno di uno stabile in passaggio Giuffrida gli agenti hanno scoperto una vera e propria centrale dello spaccio. In manette sono finiti Maria Gaetana Lo Nardo, 36 anni, Vincenzo Marino, 23 anni, Gaetano Ingrassia, 29 anni, e Emanuela Testa, 40 anni, tutti palermitani del quartiere Sperone.

Ad attirare l'attenzione dei poliziotti - impegnati in un ordinario controllo domiciliare nello stabile dello Sperone - il forte odore acre proveniente dall'appartamento. Inoltre, quando Emanuela Testa ha visto gli agenti all’esterno dell’immobile ha tentato di disfarsi di alcuni involucri contenenti una parte della droga. Gli agenti però se ne sono accorti e hanno bloccato la donna e recuperato la sostanza che aveva provato a gettare: all'interno c'erano 38 dosi di crack già tagliate e confezionate. A quel punto la polizia ha richiedere sul posto l’intervento dei colleghi del Nucleo cinofili della Questura: il cane poliziotto antidroga Asko ha condotto un’accurata perquisizione dell’appartamento, all'interno del quale c'erano gli altri tre individui, finiti in arresto.

Il formidabile fiuto di Asko ha trovato numerose dosi di droga, già confezionata e non, disseminate praticamente in ogni angolo dell’appartamento, sia in posti facilmente accessibili, come gli utensili della cucina e all’interno di un mobile del soggiorno, che in altri più nascosti: una parte della droga era stata murata in un'intercapedine del bagno. Infine, all’interno di un mobile sono state trovate banconote di diverso taglio. "Essendo - spiegano dalla Questura - ritenute provento dell’attività di spaccio sono state sequestrate".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Coronavirus, divieto di spostamenti tra regioni valido anche per quelle in area gialla

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Annientata la Cupola di Cosa nostra: arrivano 46 condanne, inflitti oltre 4 secoli di carcere

Torna su
PalermoToday è in caricamento