Via Parlavecchio, demoliti chioschi abusivi vicino al cimitero: "Erano cementati al suolo"

Le due strutture contigue erano utilizzate anche come discarica di ingombranti. Ad occuparsi della rimozione la polizia municipale, con il supporto del Coime: "Marciapiede restituito alla libera e sicura fruizione"

I due chioschi sequestrati

Demoliti due chioschi abusivi che occupavano il marciapiede davanti all'ingresso della Scuola di medicina e chirurgia del Policlinico in via Parlavecchio. Le due strutture vicine al cimitero Sant'Orsola erano utilizzate per affissioni abusive e come discarica di ingombranti. Ad occuparsi della rimozione la polizia municipale, con il supporto del Coime: "Marciapiede restituito alla libera e sicura fruizione, l'incolumità dei passanti era a rischio".

"I due manufatti, realizzati abusivamente, erano cementati al suolo e realizzati - spiegano ancora dal Comune - con strutture di metallo per cui il Nucleo controllo attività commerciali su area pubblica ha richiesto l'intervento degli operai per la rimozione, procedendo contemporaneamente al sequestro".

Nell'ultimo anno la via è stata sottoposta a controlli stringenti dopo un incendio che ha danneggiato una rivendita di fiori. Da allora i vigili hanno sequestrato numerose rivendite e denunciato i fiorai per occupazione abusiva di suolo pubblico. Dopo i vari interventi gli abusivi si sono rivolti al Comune facendo presente di aver cercato invano un’autorizzazione dal lontano 1978.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa da Campofiorito, vede disegno della figlia in tv e dà sue notizie: "Sto bene"

  • Maltempo in arrivo, attesi venti di burrasca e forti temporali: scatta l'allerta meteo arancione

  • L'agguato con la pistola e la rapina in mezzo al traffico, arrestato diciassettenne

  • "Tutte cose levate hai, pezza di tro...": le intercettazioni nella casa di cura delle violenze

  • Incidente mortale in viale Croce Rossa, automobilista travolge e uccide una donna

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

Torna su
PalermoToday è in caricamento