Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

Mafia, società edili e terreni: confiscati beni per tre milioni

Il provvedimento nei confronti dell'imprenditore Innocenzo Ponziano, secondo gli inquirenti riconducibile al boss Rinella. Nel 2006 era stata smantellata la cosca di Trabia con dodici arresti

Confiscati i beni a per un valore di 3 milioni di euro ad un imprenditore di Trabia accusato di mafia. Tra i beni sequestrati ci sono tre società edili, tre appezzamenti di terreno fra Trabia e Termini Imerese. A distanza di quasi un decennio, continuano a prodursi gli effetti dell’indagine condotta dal gruppo carabinieri di Monreale, coordinata dalla direzione distrettuale antimafia di Palermo, sulla famiglia mafiosa di Trabia, già capeggiata dall’ex latitante Salvatore Rinella.


Dopo la sua cattura avvenuta per mano dei carabinieri il 6 marzo 2003 ed a seguito delle successive ordinanze di custodia cautelare emesse il 16 febbraio 2006 dall’Autorità giudiziaria interessata, con cui è stata smantellata la cosca di Trabia con 12 arresti di affiliati e favoreggiatori. Tra gli arrestati diversi professionisti ed una donna. Grazie a questa operazione, giunta a seguito di un processo iniziato il 14 marzo 2006, sono stati sequestrati beni per 3 milioni di euro all’imprenditore di Trabia Innocenzo Ponziano e ad altri soggetti a lui riconducibili. Oltre agli appezzamenti di terreno e alle imprese sono stati sequestrati anche: un locale commerciale di Trabia, un box auto, un appartamento, 5 auto, 7 autocarri e un motociclo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mafia, società edili e terreni: confiscati beni per tre milioni

PalermoToday è in caricamento