rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca Cruillas / Via Brunelleschi Filippo

Droga dalla Campania per rifornire le piazze della città, per tre arrestati scatta il sequestro di beni

Si tratta di Paolo Di Maggio, 37 anni, Paolo Dragotto, 61 anni, e Michele Spartico, 29 anni, finiti in manette con l'operazione Blacksmith. Sigilli ad un panificio in via Brunelleschi, due immobili, tre motocicli e due auto. Bloccati otto conti correnti bancari e un libretto di risparmio

Sequestro di beni, per un valore complessivo di circa un milione di euro, nei contronti di Paolo Di Maggio, 37 anni, Paolo Dragotto, 61 anni, e Michele Spartico, 29 anni. Le indagini patrimoniali condotte dall’Ufficio Misure di Prevenzione Patrimoniali della Divisione Anticrimine della Questura di Palermo nei confronti dei tre soggetti, presunti componenti di una banda dedita allo smercio di droga, hanno accertato una sproporzione tra gli acquisti effettuati e i redditi percepiti confermando l’utilizzo di risorse finanziarie di natura illecita in attività formalmente lecite. Da qui il sequestro di un panificio in via Brunelleschi, due immobili, tre motocicli, due auto, otto conti correnti bancari e un libretto di risparmio. 

L'operazione "Blacksmith"

Di Maggio, Dragotto e Spataro lo scorso 8 marzo sono stati condannati dal gup Claudia Rosini. La pena più alta, 20 anni di reclusione, è stata inflitta a Paolo Dragotto, 18 anni di carcere per Paolo Di Maggio e 7 per Spartico. Gli imputati erano stati arrestati a maggio del 2019 nell'operazione "Blacksmith" della squadra mobile che ha smantellato un’organizzazione criminale, attiva tra il 2016 e il 2019, che avrebbe acquistato chili e chili di hashish e cocaina dalla Campania per rifornire le piazze dello spaccio cittadine.

La banda avrebbe avuto a capo proprio Di Maggio e Dragotto mentre Spartico si sarebbe distinto per aver curato l’organizzazione di alcuni importanti incontri finalizzati all’acquisto della droga con gli emissari campani e per essersi intestato formalmente la proprietà della ditta individuale oggetto di sequestro, di fatto gestita da Dragotto e Di Maggio. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droga dalla Campania per rifornire le piazze della città, per tre arrestati scatta il sequestro di beni

PalermoToday è in caricamento