Cronaca Via del Celso, 21

Rischio crollo, i vigili sequestrano Palazzo Galletti in via del Celso

Sigilli al complesso monumentale di via del Celso "per tutelare la pubblica incolumità a causa delle gravi condizioni di degrado e di abbandono del prestigioso immobile"

Balconi pericolanti, crolli di cornicioni e intonaci. Il nucleo Tutela patrimonio artistico della polizia municipale ieri mattina ha sequestrato il complesso monumentale “Palazzo Galletti di Santa Marina” di via del Celso 21. Il provvedimento è stato disposto dal gip Giovanni Francolini su richiesta del pm Enrico Bologna e si è reso necessario per tutelare la pubblica incolumità a causa delle gravi condizioni di degrado e di abbandono del prestigioso immobile.

Dai sopralluoghi congiunti compiuti dagli ufficiali del Nucleo con i tecnici della Protezione civile e dell’Edilizia pericolante del settore comunale Città Storica, è emersa la precarietà  dei conci superiori, lesionati ed in fase di distacco. Il palazzo nella incuria della proprietà ha subito alcuni crolli del cornicione e degli intonaci. I balconi risultano seriamente pericolanti, alcune basi sono precarie con spaccature varie e di un balcone, ormai privo della base, rimane solo la ringhiera ancorata al muro.

Del tutto inadeguata è risultata la messa in sicurezza dell’edificio, con il ponteggio fissato all’immobile i cui tubi di sostegno necessitano di verifica statica per valutare l’assorbimento dei carichi. Nessuna segnalazione di pericolo e idonei dispositivi di illuminazione sono stati utilizzati per una messa in sicurezza  idonea a scongiurare qualunque pregiudizio per la pubblica incolumità, in considerazione del fatto che la strada è soggetta al transito dei veicoli provenienti da via Maqueda. Dopo il sequestro l’amministratore del condominio è stato nominato custode giudiziario.

CENNI STORICI - Palazzo Galletti di Santa Marina appartenente  alla facoltosa famiglia Crespo di provenienza pisana fu costruito nel XIV secolo sulle antiche mura e dava il nome alla strada che era conosciuta come salita S. Marina. Presenta particolari ripresi dalla tradizione architettonica normanna, mentre  la sistemazione della colonna angolare sullo spigolo sud-orientale caratterizza l’architettura siciliana del ‘300. Il varco utilizzato come portale d’ingresso, si suppone fosse una antica porta aperta nelle mura della città.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rischio crollo, i vigili sequestrano Palazzo Galletti in via del Celso

PalermoToday è in caricamento