Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Lavoratori Spo vincono la causa, in quindici riassunti e risarciti

Lo stabilisce una sentenza del Tribunale che ha riconosciuto il loro diritto a un rapporto professionale a tempo indeterminato con la stessa società. Spallitta: "L'Amministrazione dovrà rispettare la decisione e applicare lo stesso percorso seguito con la Gesip"

La vicepresidente vicaria Nadia Spallitta

Quindici lavoratori della Spo devono essere riassunti con contratto a tempo indeterminato e risarciti. Lo ha stabilito una sentenza del Tribunale di Palermo, sezione Lavoro, che ha riconosciuto il diritto dei dipendenti, alcuni dei quali difesi dall'avvocato Francesco Domeniconi, assunti nel 2004 con contratti a progetto presso la Spo srl (società collegata alla Gesip e in liquidazione dal 2010), ad un rapporto a tempo indeterminato con la stessa società con decorrenza dal 2005. "Credo che l'Amministrazione - spiega la vicepresidente vicaria del Consiglio comunale Nadia Spallitta - debba in primo luogo rispettare la sentenza e debba adottare tutti gli opportuni provvedimenti".

Il giudice ha deciso la riassunzione dei lavoratori basandosi sull'applicazione del decreto legislativo 276/2003 e della “Legge Fornero”, che sancisce il diritto dei lavoratori alla conversione del rapporto di lavoro a tempo indeterminato nel caso in cui i principi relativi ai rapporti a termine siano stati violati. "Nella realtà - aggiunge Spallitta - tali progetti erano sostanzialmente insussistenti e di fatto i lavoratori mantenevano un rapporto di lavoro subordinato e continuativo maturando quindi il diritto alla conversione del contratto. Alla luce di questa decisione i lavoratori hanno incontrato la conferenza dei capigruppo chiedendo al Consiglio comunale - conclude - di adottare tutte le iniziative di competenza per dare concreta attuazione alla sentenza".

La sentenza, secondo quanto riferito dalla vicepresidente vicaria, ha effetto retroattivo. Dunque è come se i lavoratori, in questi anni, fossero stati in servizio con contratti validi e regolari. "Perciò appare corretto ritenere - aggiunge Spallitta - che il percorso giuridico seguito per altri lavoratori, come quelli della Gesip, debba essere garantito anche a questi lavoratori della Spo srl. Nella sentenza il giudice ha stabilito inoltre che i lavoratori della Spo srl dovranno essere risarciti con "un'indennità che si stima equo fissare in otto mensilità dell'ultima retribuzione globale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoratori Spo vincono la causa, in quindici riassunti e risarciti

PalermoToday è in caricamento