Sabato, 12 Giugno 2021
Cronaca

Operazione Hydra, 15 condanne per mafia ed estorsione

La sentenza è stata emessa dal gup di Palermo Sergio Ziino, dopo gli arresti avvenuti nel novembre 2011. Unico assolto, il titolare del bar dello stadio Barbera, accusato di 416 bis

Quindici condanne e un'assoluzione per mafia ed estorsione a Palermo. La sentenza è stata emessa dal Gup di Palermo Sergio Ziino al termine del processo che si è svolto col rito abbreviato contro la mafia di San Lorenzo. Tra le vittime delle estorsioni - tentate e consumate - anche "I Fratelli La Bufala", il "Bar Costa", il "Bar Collica" e alcune agenzie immobiliari e ditte di costruzione. Il giudice ha anche riconosciuto 10 mila euro di provvisionale a ciascuna delle parti civili. Tutti gli imputati erano stati arrestati nel novembre 2011 nell'ambito dell'operazione Hydra.

L'operazione era stata coordinata dai pm Annamaria Picozzi, Francesco Del Bene, Gaetano Paci e Dario Scaletta. Nello specifico sono stati condannati Giulio Caporrimo, fedelissimo di Salvatore Lo Piccolo, a 10 anni; Calogero Di Stefano a 9 anni e 10 mesi, Giuseppe Salamone a 8 anni e 8 mesi; Vincenzo Di Blasi a 8 anni e mezzo, Antonino Vitamia a 7 anni e 2 mesi, Marcello Coccellato, Ugo De Lisi, Fabio Gambino, Sandro Diele e Filippo Pagano a 6 anni ed 8 mesi ciascuno; Andrea Luparello, Giuseppe Enea, Amedeo Romeo, Giuseppe Serio e Stefano Scalici a 6 anni e 4 mesi; infine Giuseppe Cardovino a 3 anni e 4 mesi. Unico assolto, Giovanni Li Causi, titolare del bar dello stadio Barbera, accusato di 416 bis.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione Hydra, 15 condanne per mafia ed estorsione

PalermoToday è in caricamento