rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Cronaca Resuttana-San Lorenzo / Via Trinacria

Cucina e palestra trasformate in classi, segnalazione dei genitori all'Asp: ancora disagi alla scuola Trinacria

Già da dicembre, per via dei lavori nell'istituto, i piccoli alunni erano stati costretti ai doppi turni. Ora la preside ha stabilito che le lezioni pomeridiane si terranno alla Garzilli in via Isonzo. La protesta di una mamma: "La nostra una battaglia legale. Avevamo proposto un campo tendato come per i terremoti, più dignitoso di certe topaie"

Continuano i disagi alla scuola Trinacria. Per via delle aule inagibili, circa 400 bambini (a turno) frequentano le lezioni confinati all'interno della palestra e della cucina della scuola. Dopo la segnalazione che alcuni genitori hanno presentato all'Asp, però, la preside corre ai ripari e ufficializza che i turni pomeridiani - che già erano in vigore per via dei lavori nell'istituto - si svolgeranno alla Garzilli, che fa parte della stessa direzione didattica, fino a data da destinarsi. Dodici classi, infatti, non possono entrare in aula: delle venti del plesso in via Trinacria, solo otto sono agibili. Il rischio è che crolli il tetto da un momento all'altro. 

Da settimane infatti il primo piano della scuola in via Trinacria, angolo via Emilia, è chiuso per alcuni lavori. "Per alcune presunte irregolarità di alcune classi - racconta a PalermoToday Carolina Longo, mamma di un bambino di 10 anni che frequenta il plesso e avvocato - e delle carenze ben visibili a prima vista, come il cattivo odore o la presenza di un solo bagno per maschi e femmine, senza maniglia, e per via delle lezioni fatte all'interno di un seminterrato adibito a cucina, abbiamo presentato una formale segnalazione tramite pec all'Asp". 

I bambini da dicembre sono costretti a fare da 8 a 12 ore al mese di turno pomeridiano. "Abbiamo fatto - prosegue - richiesta di accesso agli atti. Ci chiediamo come mai le delibere con cui è stata decisa questa turnazione non ricada su entrambi i plessi, cui sono destinati peraltro i 500 mila euro di fondi straordinari per il ripristino dei luoghi, che prevedono l'impermeabilizzazione del solaio e il ripristino del tetto. Se la preside avesse deliberato relativamente al doppio turno per entrambi i plessi i disagi sarebbero ridotti per tutti. Sembra quasi che il Trinacria sia una scuola di Serie B, con il Garzilli che invece gioca in Serie A. Ma la nostra sarà una battaglia legale. I bambini non solo sono costretti al rientro pomeridiano, ma per di più sono costretti a stare in questa topaia adibita a classe. Avevo proposto anche un campo tendato, come si fa nelle zone terremotate. Ma non c'è apertura nei nostri confronti. Così impugneremo al Tar la decisione sui doppi turni, che per noi deve ricadere su entrambi i plessi". 

A commentare la decisione che entrerà a regime da domani è la preside, Angela Mineo. "I bambini devono adeguarsi a orari altalenanti. E' un disagio per loro, ma anche per me. Provvisoriamente, avevamo cercato di alleggerire le classi del Trinacria con doppi turni da fare al Garzilli. Su venti classi solo otto sono agibili, è un dato di fatto. Dodici classi devono andare a doppio turno. I lavori dovrebbero essere imminenti e nell'attesa avevamo usato degli spazi non a destinazione d'uso, come il refettorio anche se poco luminoso e una palestra. Si trattava di locali provvisori, che abbiamo ampiamente utilizzato in tempo di Covid per distanziare gli alunni durante una situazione d'emergenza. Se l'amministrazione comunale trova altri locali sono disposta a indietreggiare sulla mia decisione. Siamo pronti per iniziare i lavori, mancano le ultime formalità. Entro marzo dovrebbero riconsegnarci la scuola e tutto rientrerà alla normalità". 

Come da circolare, dodici classi saranno trasferite temporaneamente in via Isonzo, sede del Garzilli. "In via cautelare la preside ha stabilito di rinunciare all'utilizzo dei locali recuperati all'uso didattico ma destinati ad altro - si legge in una nota di alcuni genitori -. Perdiamo quindi la disponibilità di 4 locali su 12. Pertanto, potranno frequentare il Trinacria solo 8 classi per volta, che andranno di mattina. Le altre 12 classi frequenteranno di pomeriggio presso i locali del Garzilli, a primo piano (quello dove il riscaldamento funziona). In quanto ai turni, per il momento vengono confermati quelli già previsti: quindi, da martedì a venerdì saranno di pomeriggio le seconde e le quinte, con l'aggiunta delle prime che, ad oggi, hanno in pratica fatto solo tre giorni". 

Adesso sono molti i genitori che promettono battaglie. "Ho due bambini che frequentano la quarta e l'asilo del plesso Trinacria - racconta a PalermoToday Alessandro -. Ormai da troppo tempo sottostò al caos generale in cui versa la scuola da prima di Natale, quando è stato dichiarato inagibile il primo piano e con conseguenza di doppi turni, gestiti in maniera del tutto caotica. La dirigente scolastica ha pensato bene di far fare il turno pomeridiano a dodici classi spostandole presso il plesso del Garzilli. Ormai tutti i bambini svolgono attività pomeridiane di tipo sportivo, ludico, musicale, teatrale che dovrebbero sospendere fino a quando? Con tutti gli oneri economici che ogni famiglia deve affrontare. Non abbiamo comprensione dal personale docente e da nessuno. Siamo stanchi di subire". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cucina e palestra trasformate in classi, segnalazione dei genitori all'Asp: ancora disagi alla scuola Trinacria

PalermoToday è in caricamento