Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca Via Nazionale

Cinisi, in un bene confiscato alla mafia s'inaugura la sede della Consulta giovanile

Dopo il taglio del nastro e la seduta inaugurale dell’Assemblea, Alessandra Turrisi presenterà il libro “Dalle Mafie ai Cittadini. La vita nuova dei beni confiscati alla criminalità”. L'assessore Pizzo: "Qui dentro i ragazzi potranno dialogare, lavorare, programmare e porre le basi per una società migliore"

Il bene confiscato a Cinisi

La sede della Consulta giovanile comunale di Cinisi in un bene confiscato alla mafia in via Nazionale. L'inaugurazione dello spazio è fissata per domani, alle 15:30, giorno in cui ricorre l'anniversario della scomparsa di Felicia Bartolotta Impastato. "L’impegno per l’uguaglianza, la solidarietà e la diffusione della legalità - dichiarano dal Comune - tra le sue più importanti eredità".

“Inauguriamo, in un bene confiscato, un’opera - dice l’assessore alle Politiche giovanili Verusca Pizzo - che davvero si contrappone ai fini qui un tempo perseguiti: qui dentro i ragazzi potranno dialogare, lavorare, programmare. Dentro questa struttura i ragazzi potranno esprimersi e incontrarsi. Abbiamo voluto, tramite questa destinazione, rispondere alle esigenze del tessuto associativo giovanile di Cinisi, infatti molte associazioni mancavano di una sede fissa o di un luogo in cui potere portare avanti i propri fini sociali. Consegnamo ai giovani questo luogo affinché da qui possano mettersi le basi di una società migliore più giusta, equa e solidale”.

Dopo il taglio del nastro e la seduta inaugurale dell’Assemblea, alle 16:15, Alessandra Turrisi presenterà il libro “Dalle Mafie ai Cittadini. La vita nuova dei beni confiscati alla criminalità” che introdurrà il convegno inaugurale “L’associazionismo: motore di crescita di una comunità. L’impegno giovanile in ricordo di Felicia” a cui interverranno Alessandro Magistro, presidente dell’Assemblea regionale delle Consulte giovanili; Giovanna Parrino, presidente diocesana di Azione Cattolica e Luisa Impastato, presidente di Casa Memoria Impastato. Il convegno sarà moderato da Roberto Conigliaro, giornalista, esperto Seo e comunicazione digitale.

“La destinazione di un bene confiscato a sede istituzionale della Consulta giovanile è un monito rivolto ai giovani - dichiara il presidente della Consulta giovanile comunale Andrea Di Gangi - affinché si impegnino sempre e di più nella diffusione della cultura della legalità, un monito affinché i giovani tornino ad incontrarsi, a credere nell’associazionismo e all’importanza del fare insieme. L’augurio che ci auto-rivolgiamo è che dentro queste stanze, in cui un tempo si respirava 'il puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità', si senta sempre 'il fresco profumo di libertà' che potrà portare tutti i giovani di Cinisi a lavorare insieme per il vero bene comune”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinisi, in un bene confiscato alla mafia s'inaugura la sede della Consulta giovanile

PalermoToday è in caricamento