menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Scuola chiusa - foto Ansa

Scuola chiusa - foto Ansa

Coronavirus, c'è l'ufficialità del ministro: lezioni sospese fino al 15 marzo

La decisione è stata confermata dal ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina insieme al presidente del Consiglio Giuseppe Conte in conferenza stampa da Palazzo Chigi dopo l'ok del comitato scientifico. Il Codacons: "Misure a favore delle famiglie"

Università e scuole senza studenti fino al 15 marzo. Dopo il tira e molla di qualche ora fa ora la decisione è stata confermata dal ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina insieme al presidente del Consiglio Giuseppe Conte alle 18 in conferenza stampa da Palazzo Chigi.  Per far fronte all'emergenza Coronavirus anche a Palermo e provincia saranno dunque sospese le lezioni nelle scuole e negli atenei (nella Penisola gli istituti saranno chiusi anche al personale amministrativo soltanto nelle zone rosse).

La decisione del Governo, dopo una riunione a Palazzo Chigi tra il premier Giuseppe Conte e i ministri, è stata ufficializzata dopo il via libera del comitato scientifico. Ovviamente il tema è il rallentamento del contagio anche al Sud del Paese, dove i casi finora riscontrati sono minori che al Nord, per rafforzare le terapie intensive aumentando i posti. "La priorità è la salute pubblica", dice il presidente dell’associazione nazionale Presidi Antonello Giannelli. Mantre il Codacons chiede al governo "di varare subito misure a sostegno delle famiglie con figli, come sgravi fiscali e la sospensione degli obblighi contributivi per chi sarà costretto a ricorrere a baby sitter durante il periodo di chiusura delle scuole".

"Ci stiamo muovendo con la massima celerità e determinazione a tutela dei lavoratori pubblici e privati. E' in fase di definizione una norma che prevede la possibilità per uno dei genitori, in caso di chiusura delle scuole, di assentarsi dal lavoro per accudire i figli minorenni. Ne ho già parlato con il Ministro Gualtieri e gli altri Ministri competenti: faremo tutto quello che è necessario per ridurre al massimo i disagi". Così il viceministro all'Economia Laura Castelli dopo la decisione di chiudere le scuole per l'emergenza Coronavirus. 

Per le lezioni si dovrà procedere con l'attivazione e l'implementazione della didattica online a distanza, meccanismi utili a salvare l'anno scolastico anche con questa sospensione temporanea. E a questo sta lavorando sempre il ministro dell'Istruzione. Sul tavolo, a Palazzo Chigi, anche misure più stringenti di sanità pubblica. Nel corso della riunione si è discusso anche delle misure economiche per fronteggiare i contraccolpi della Covid-19.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento