Cronaca

Al via progetto contro la violenza rivolto alle scuole

Promosso dalla rete regionale dei Centri di Prevenzione, Ascolto e Lotta alla violenza 'Lia Pipitone', mira a sensibilizzare gli studenti anche attraverso un concorso regionale

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Una serie di incontri e appuntamenti per sensibilizzare gli studenti siciliani alla lotta e al contrasto della violenza. E' quanto prevede il progetto "Secondo me...", promosso dalla rete regionale dei Centri di Prevenzione, Ascolto e Lotta alla violenza "Lia Pipitone". Un'iniziativa di sensibilizzazione rivolta agli studenti delle ultime classi della scuola superiore di I grado, che andrà avanti fino al prossimo 8 marzo e coinvolgerà contemporaneamente sette istituti di Palermo, Caltanissetta, Siracusa, Ragusa, Erice (Tp), Monreale (Pa) e Caltagirone (Ct).

"L'obiettivo - afferma la responsabile regionale Adriana Argento - è quello di attivare quel 'modello di lavoro sociale comune' che caratterizza l'intervento della Rete Regionale, con iniziative concrete gestite in maniera omogenea dai centri presenti all'interno del territorio siciliano". Il progetto, ideato dalla dottoressa Valeria Marrone dell'Osservatorio per la legalità e per i diritti inviolati di Erice, istituisce anche il primo concorso regionale "Lia Pipitone".

Durante gli incontri verrà chiesto agli studenti di produrre degli elaborati scritti (temi, saggi o articoli di giornale) inerenti agli argomenti trattati. Per ogni istituto verrà poi selezionato un testo che parteciperà così alla finale regionale che si svolgerà l'8 marzo. Gli elaborati finalisti saranno valutati da un'apposita commissione e l'autore di quello che sarà giudicato vincitore riceverà in premio un pc portatile. Inoltre il testo sarà pubblicato su un quotidiano di informazione regionale.

A Palermo il progetto "Secondo me..." coinvolgerà gli studenti dell'istituto comprensivo "Karol Wojtyla" di via Cristoforo Colombo 62. Durante il primo incontro, che si svolgerà mercoledì 27 novembre, interverranno la responsabile della Rete Regionale Lia Pipitone, Adriana Argento, la psicologa Mariarosaria Alotta, l'assistente sociale Gaia Spitaleri e l'avvocato Paola Mirto, che dialogheranno con gli studenti sul delicato tema della violenza, descrivendone segnali e simboli per prevenirla e combatterla.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al via progetto contro la violenza rivolto alle scuole

PalermoToday è in caricamento