Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

La Scuola adotta la città: al via "Palermo apre le porte"

La manifestazione inizierà a fine marzo con la Festa della Primavera e parteciperanno 98 istituti. Il tema sarà "Palermo tra profumi, colori, suoni e memoria". Prevista la consegna simbolica delle chiavi della città agli alunni

foto archivio

Scuola e città insieme a braccetto. Il sindaco Leoluca Orlando e l'assessore Barbara Evola hanno presentato questo pomeriggio a Villa Niscemi la 19ma edizione di “Palermo apre le porte – la scuola adotta la città”, organizzata dall’Assessorato alla Scuola del Comune. Saranno 98 le scuole che parteciperanno alla manifestazione che inizierà a fine marzo con la "Festa della Primavera", per concludersi alla fine di maggio con la celebrazione della “Notte bianca delle scuole". Il progetto si propone come crocevia di culture e tradizioni differenti, nella tradizione della città di Palermo e intende qualificarsi come prezioso strumento di questi stili comportamentali, partendo da una dimensione più privata e personale per arrivare ad una dimensione più allargata e socializzata. Il tema che caratterizzerà la manifestazione è “Palermo tra profumi, colori, suoni e memoria”.

“Abbiamo scelto questo tema – ha detto l’assessore alla Scuola Evola – perché, trasversalmente, tende a mantenere viva la memoria ripercorrendo la storia di Palermo da una periferia all’altra, attraverso circuiti storici, che coinvolgeranno palermitani e turisti, attraverso i suoni, i colori e i profumi della città. La
grande sfida di quest’anno – continua l’assessore  – è il coinvolgimento globale, perché non saranno soltanto adottati i monumenti da parte degli studenti, ma ci sarà un virtuale percorso che coinvolgerà tutti i quartieri e tutte le circoscrizioni con una serie di eventi che inizieranno con la 'Festa della Primavera' fino alla notte bianca della scuola". La cerimonia di apertura di "Palermo apre lo porte" vedrà la consegna delle chiavi della città da parte del sindaco Orlando agli alunni delle scuole, nel corso di una festa multietnica all’insegna della polifonia e della valorizzazione di tutte le culture presenti nel territorio cittadino.

“Quest’anno – ha detto Orlando – non si adotteranno soltanto i monumenti, ma ad essere adottata sarà l’intera città. Il nostro obiettivo è quello di costruire la comunità scolastica andando oltre all’attività del singolo istituto scolastico”. Le adozioni dei monumenti si svolgeranno tra aprile e maggio, secondo una divisione territoriale che ripropone in forma più estesa l’antica divisione in mandamenti della città. Il calendario prevede:

11-14 aprile dal Mandamento Castellammare fino oltre il Parco della Favorita
18-21 aprile dal Mandamento Palazzo Reale fino oltre il Parco Cassarà
9-12 maggio dal Mandamento Tribunali fino oltre la Valle dell’Oreto
16-19 maggio dal Mandamento Monte di Pietà fino oltre il Parco di Villa Pantelleria

L’apertura dei siti avverrà nei giorni di giovedi per l’organizzazione dei singoli eventi e nel week end per le visite che si svolgeranno dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore 15.30 alle ore 18.30.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Scuola adotta la città: al via "Palermo apre le porte"

PalermoToday è in caricamento