Disabili senza assistenza a scuola: il presidente Anffas in sciopero della fame

A due settimane dall'inizio delle lezioni i servizi di assistenza igienico-personale, autonomia e comunicazione e il servizio trasporto non sono partiti. Antonio Costanza: "Situazione pericolosa e intollerabile. La protesta andrà avanti fino a quando non si avranno risposte certe"

Genitori disabili in catene - Foto d'archivio

A due settimane dall'inizio della scuola, la campanella non è suonata per gli alunni siciliani con disabilità. Sono assenti, infatti, i servizi di assistenza igienico-personale, autonomia e comunicazione e il servizio trasporto. Ecco perché Antonio Costanza, presidente di Anffas Palermo e vicepresidente di Anffas Sicilia (Associazione nazionale famiglie di  persone con disabilità intellettiva e relazionale), da oggi comincerà lo sciopero della fame con il sostegno dell'associazione, che in Italia conta oltre trentamila persone con disabilità. "Senza questi  servizi gli alunni con disabilità non possono andare a scuola o la frequentano male" spiegano dall'associazione. L'azione di protesta andrà avanti a oltranza fino a quando non giungeranno "risposte certe e impegni precisi" da tutte le istituzioni preposte.

"Troppo spesso - sottolinea Antonio Costanza - gli alunni con disabilità siciliani hanno la sensazione di essere alunni di serie B. Da quando  hanno avuto vita questi servizi non sono mai partiti il primo giorno di scuola. Questa situazione è pericolosa e intollerabile oggi più che mai". Nel corso degli ultimi anni, insieme agli studenti  con disabilità, ai loro genitori e familiari, i volontari dell'Anffas si sono incatenati in diverse manifestazioni in svariati istituti di Palermo, per far conoscere le condizioni in cui sono costretti a studiare gli alunni con disabilità in Sicilia.

Antonio Costanza-2"Un secondo aspetto della questione - aggiunge - riguarda il messaggio discriminatorio e  diseducativo che di riflesso giunge agli alunni senza disabilità ai  quali potrebbe apparire normale il puntuale ripetersi di questa  situazione. Chi pensa sia solo un problema di risorse economiche sbaglia - conclude il presidente di Anffas Palermo - perché è una  questione di programmazione per tempo e di scelte politiche". 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Questo e lavoro per i cinque stelle

  • Ogni anno la stessa storia. SE NE FREGANO!

  • Avatar anonimo di klauss
    klauss

    i diritti di queste persone non contano nulla...ma per organizzare buffonate come il gay pride si ci fa in 4....squallore totale

    • Se non sbaglio dovrebbe essere questione a livello regionale.

    • Le persone che ragionano, anzi che Sragionano come lei, sono la ragione ultima per la quale il governo nazionale è in mano a gente che ha intenzione di fare riforme ingrassando ulteriormente il debito pubblico. Innanzitutto, le due cose (manifestazioni folkloristiche/assistenza disabili) non sono logicamente correlate. L'organizzazione di quel tipo di eventi non impedisce questo tipo di assistenza. In secundis, la prestazione di questo genere di servizi non dovrebbe essere garantita dallo stanziamento di fondi a livello REGIONALE? La inviterei a collegare il cervello, se non sapessi che è inutile, causa mancanza di materia prima

    • E sa qual è la cosa più ridicola? Lui, il pupo nostrano©, sfila e fa sfilare anche per i diritti dei disabili....

Notizie di oggi

  • Politica

    Ex Province, l'assessore Grasso vola a Roma: "Date alla Sicilia le stesse risorse delle altre Regioni”

  • Cronaca

    Termini, gli operai Blutec tornano in piazza: "Vogliamo certezze per il futuro"

  • Politica

    Sgombero immediato per le case abusive in zone a rischio, via i sindaci che non applicano la legge

  • Politica

    "Governo parallelo basato su favori, amici e nemici": l'Antimafia disegna il sistema Montante

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento