Cronaca

Scuole superiori, denuncia della Cgil: "Fondi ridotti e assistenza ai disabili a rischio"

La Regione ha stanziato 5 milioni, ma solo la metà sono stati effettivamente erogati: così il sindacato, che ha chiesto un incontro urgente con assessori all'Istruzione e alle Politiche sociali. "Si rimedi prima di settembre, altrimenti verrà leso il diritto allo studio degli studenti e compromesso il diritto al lavoro dei tanti operatori qualificati"

Stanziamenti della Regione ridotti e servizi di assistenza igienico-sanitaria per gli alunni disabili delle scuole superiori a rischio anche nel prossimo anno scolastico: è la denuncia di Cgil, Funzione pubblica Cgil e Flc siciliane che hanno chiesto un incontro urgente agli assessori regionali all’Istruzione e alle Politiche sociali.

“In assenza di soluzioni prima dell’inizio dell’anno scolastico - scrivono Cgil, Fp e Flc in una nota - verrà leso il diritto allo studio di tanti studenti  con disabilità e compromesso il diritto al lavoro dei tanti operatori qualificati che hanno svolto questi servizi negli anni passati”.

La Regione ha stanziato al riguardo 5 milioni, “ma solo la metà - prosegue la nota del sindacato - sono stati effettivamente erogati, col rischio di non potere avviare al lavoro operatori che per i compiti da svolgere, assistenza alla comunicazione e assistenza igienico-sanitaria dei disabili ,hanno seguito una formazione specifica di 900 ore”.

“Soprattutto i disabili gravi - secondo il sindacato - rischiano di non avere al fianco figure competenti che sono state per loro nei precedenti anni scolastici un punto di riferimento. La continuità si rende dunque necessaria per potere garantire ai disabili il diritto allo studio, assicurando che compiti per cui è richiesta competenza vengano affidati a chi, come i lavoratori delle cooperative, questa competenza se l’è costruita con apposita formazione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuole superiori, denuncia della Cgil: "Fondi ridotti e assistenza ai disabili a rischio"

PalermoToday è in caricamento